Gli istituzionali non sono preparati al tail risk: l’indagine Global RiskMonitor di AllianzGI

A
A
A
di Finanza Operativa 18 Giugno 2015 | 12:00

Secondo la terza edizione dell’indagine annuale Global RiskMonitor di Allianz Global Investors (AllianzGI), a livello internazionale gli investitori istituzionali considerano gli eventi di coda, quali shock del prezzo del petrolio, nuove bolle di asset in diversi segmenti di mercato o tensioni geopolitiche, fenomeni sempre più frequenti a causa dell’interconnessione dei mercati finanziari globali.
Il tail risk è diventato un tema ricorrente dal 2008, anno che ha ricordato agli investitori che eventi anomali sono potenzialmente in grado di generare un impatto devastante sul mercato e che la loro frequenza è superiore rispetto a quanto si potrebbe prevedere sulla base di una configurazione normale della curva.
Ciò nonostante, le tradizionali strategie di allocazione del portafoglio lasciano gli investitori impreparati alla frequenza di questi eventi.
Circa i due terzi (66%) dei 735 investitori istituzionali contemplati per lo studio ritengono che la preoccupazione rispetto al tail risk sia cresciuta a seguito della crisi finanziaria. Tuttavia, la maggioranza degli intervistati dichiara di affidarsi a strategie tradizionali di asset allocation e di gestione del rischio per proteggere i propri portafogli, con un 61% che ricorre alla diversificazione tra asset class e un 56% ad una diversificazione geografica.
Alla luce dell’interconnessione dei mercati queste tipologie di diversificazione risulteranno sempre meno efficaci nel mitigare il rischio di riduzione di valore del capitale (il cosidetto drawdown). In effetti, solamente il 36% ritiene di avere accesso a soluzioni o strumenti adeguati per la gestione del tail risk.
Nel commentare i risultati dell’indagine, Elizabeth Corley, CEO di AllianzGI, ha sottolineato:  “I risultati di questo studio evidenziano un paradosso significativo: sebbene quasi i due terzi degli investitori istituzionali dimostrino una preoccupazione sempre maggiore verso gli eventi di coda a seguito della crisi finanziaria, una proporzione di gran lunga inferiore è convinta di avere accesso a soluzioni o strumenti appropriati per far fronte a tali eventi. Con aspettative di eventi di coda sempre più frequenti, si delinea un importante ruolo per i gestori attivi nell’assistere i clienti a comprendere, classificare, valutare e infine mitigare il rischio di downside innescato da questi eventi anomali, offrendo al contempo opportunità di upside”.
La prossima grande minaccia.  Nell’attuale contesto di mercato, gli investitori devono affrontare una miriade di minacce relative alla performance di portafoglio. Con la recente volatilità dei prezzi del petrolio, le tensioni geopolitiche in Europa orientale e in Medio Oriente, il rallentamento della crescita cinese, le economie europee in sofferenza e tutta una serie di incertezze economiche e politiche, gli investitori temono di essere impattato da un tail risk. A livello internazionale gli investitori ritengono che all’orizzonte le più probabili cause di eventi di coda siano rappresentate da uno shock dei prezzi del petrolio (28%), default del debito sovrano (24%), politica europea (24%), nuove bolle di asset (24%) e recessione dell’Eurozona (21%). Nelle Americhe e nell’area Asia-Pacifico gli intervistati sono maggiormente convinti che gli shock dei prezzi del petrolio saranno la causa del prossimo evento di coda (35% e 28%, rispettivamente), mentre gli investitori di Europa e Medio Oriente considerano nuove bolle di asset (33%), il default del debito (29%) e le tensioni geopolitiche (29%) come i principali pericoli.
I trend di asset allocation. Gli investitori istituzionali mostrano una particolare tendenza a concentrarsi verso le asset class tradizionali, con un atteggiamento rialzista verso i titoli azionari europei e statunitensi e ribassista verso il debito sovrano dei mercati sviluppati ed emergenti. In termini di allocazione di portafoglio, il 30% degli intervistati a livello globale prevede di acquistare titoli azionari europei e/o statunitensi nei prossimi 12 mesi, per via dell’elevato potenziale di crescita. In un’ottica ribassista, il 29% degli investitori afferma di voler vendere il debito sovrano e circa un terzo (31%) è certo che questa asset class non avrà una performance positiva nel prossimo anno.
Tra gli investitori di approccio rialzista nell’asset class azionaria, un numero significativamente maggiore propende per i titoli europei grazie al loro elevato potenziale di rendimento (61%), rispetto al 44% di coloro che prediligono i titoli statunitensi. Una percentuale inferiore (20%) di questi investitori dichiara che le proprie posizioni overweight sui titoli azionari dei mercati emergenti sono dovute al potenziale di rendimento elevato, riportando motivazioni quali diversificazione (18%) e copertura contro l’inflazione (18%) tra i principali elementi di scelta.
Ingo Mainert, CIO Balanced Europe di AllianzGI, ha commentato:  “Il rischio di una correzione dei mercati aumenta alla luce di valutazioni costantemente al rialzo, della crescita di tensioni geopolitiche e dell’inasprimento della politica monetaria statunitense. In linea generale le attuali asset allocation degli investitori istituzionali sono ben ponderate, ma il problema è che molti di questi investitori non stanno utilizzando adeguati strumenti di gestione del rischio per proteggere i propri investimenti dalla volatilità del mercato. Per raggiungere i propri obiettivi di rendimento, gli investitori devono considerare che gli asset rischiosi si trovano tipicamente nelle classi che caratterizzano i momenti di repressione finanziaria, ma in ogni caso il rischio di ribassi deve essere gestito in maniera molto appropriata. Nell’ambito della strategia di protezione da tale rischio di ribassi gli investitori dovrebbero considerare anche la liquidità”.
Investimenti alternativi in uno scenario di rischi elevati. Nella selezione di investimenti alternativi, gli investitori istituzionali ricercano i migliori strumenti di gestione del rischio, senza i quali il forte potenziale di crescita di questa asset class potrebbe essere pregiudicato. Sebbene tre quarti (73%) degli intervistati dichiarino di investire già con una certa frequenza in asset class alternative, il 40% degli investitori riconosce che sarebbe anche più favorevole ad aumentare tale allocazione qualora avesse più fiducia nelle capacità del gestore di valutare e gestire il rischio associato. In particolare gli investitori chiedono che i gestori si concentrino sulla valutazione e gestione del rischio di liquidità piuttosto che cercare di eliminarlo.
Gli Investitori istituzionali e il bisogno di supporto nella gestione del rischio.  Gli investitori istituzionali continuano a seguire strategie di gestione del rischio tradizionali che potrebbero lasciarli esposti a shock macro-economici e di mercato. Approcci di investimento meno convenzionali per proteggersi dal rischio di ribassi, come ad esempio la copertura diretta e il risk budgeting vengono utilizzati da poco più di un terzo degli investitori (35% per ciascuna strategia) mentre una percentuale ancora più esigua di investitori utilizza strategie di investimento liability-driven (26%) e di volatilità gestita (24%). Anche se il tail risk preoccupa molto gli investitori, meno di tre investitori su 10 (27%) adottano specifiche strategie di copertura da questo rischio.
A livello globale, la gestione del tail risk è una grossa sfida per molti investitori. Gli investitori riconoscono l’esigenza di prepararsi maggiormente ad eventuali eventi di tail risk, ma il 56% di essi ritiene che le strategie di copertura dal tail risk siano troppo onerose. Inoltre gli investitori istituzionali pensano che gli stessi tail risk (35%) e i prodotti alternativi sviluppati per gestirli (36%) non siano adeguatamente compresi.
Arun Ratra, Head of Global Solutions di AllianzGI, ha affermato:  “La gestione del rischio non è una scelta. Non è un’attività da fare periodicamente. Quando si utilizzano le tradizionali strategie di gestione del rischio, gli investitori rimangono senza difese e vulnerabili nei confronti di una pletora di minacce. Nell’attuale contesto di volatilità del mercato, gli investitori necessitano di strumenti e di soluzioni in grado di proteggerli sia dalle minacce che si possono intravedere all’orizzonte sia da quelle potenziali e ancora difficili da identificare. L’attività di AllianzGI è focalizzata ad aiutare i clienti a creare soluzioni in grado di ottenere i risultati di cui necessitano per raggiungere i loro obiettivi di investimento”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cari consulenti, aiutate il cliente ad “andare in goal”

Fondi, AllianzGI aumenta l’offerta di prodotti sostenibili

AllianzGI, il portafoglio è intelligente

NEWSLETTER
Iscriviti
X