ModeFinance, la rating agency nata dal mondo accademico

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Luglio 2015 | 16:30

ModeFinance ha ottenuto dall’Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati (ESMA) l’autorizzazione ad operare come credit rating agency in conformità alla regolamentazione europea che disciplina il settore (Regolamento CE n. 1060/2009 e seguenti).
ModeFinance è una giovane società insediata in Area Science Park, il parco scientifico tecnologico di Trieste, che nasce dal mondo della ricerca ed è tuttora spinoff dell’Università di Trieste. Gli amministratori Ciprian, 38 anni, e Pediroda, 42, hanno commentato: “Siamo davvero soddisfatti che l’ESMA abbia riconosciuto la qualità della nostra struttura, volta a garantire indipendenza e soprattutto trasparenza nel processo di analisi del rating. modeFinance diventa la terza agenzia presente in Italia con l’obiettivo, ambizioso e unico nel settore, di specializzarsi nella valutazione delle società internazionali legate alla new economy del digitale”.
Con la registrazione europea, modeFinance è autorizzata, a partire dal 10 luglio 2015, ad emettere rating pubblici e/o distribuiti previo abbonamento di società non finanziarie. La registrazione è stata rilasciata dall’ESMA sulla base della verifica di numerosi requisiti di trasparenza, governance e prevenzione dei conflitti di interesse; a tali requisiti modeFinance si è adeguata adottando delle rigorose e stringenti policy interne.
“Vedere una startup nata nel nostro incubatore di impresa raggiungere in pochi anni riconoscibilità e credibilità internazionali in un settore delicato e altamente professionale come quello del rating è un’ottima notizia per la nuova imprenditoria italiana” – commenta Fabrizio Rovatti, direttore di Innovation Factory, l’incubatore di AREA Science Park.
Un altro requisito fondamentale per la registrazione è l’utilizzo di metodologie rigorose, sistematiche, continuative e soggette a convalida sulla base dell’esperienza storica. Il rating di modeFinance emesso in conformità alla regolamentazione europea è il risultato dell’applicazione di due distinte metodologie: la prima, puramente quantitativa, è la metodologia “MORE”, ampiamente testata nell’attività di emissione di scoring; la seconda implica l’intervento sostanziale del team di analisti di modeFinance, responsabile dell’emissione e del monitoraggio del rating.
Il rating è emesso sulla base di una scala di 21 classi identificate da un codice alfanumerico che va da A1 (che individua le società con il più alto merito di credito) a C3 (il più basso), oltre alle classi riservate per le società cadute in default oppure che si trovano in stato di fallimento.
Prima della divulgazione dei singoli rating, modeFinance è tenuta a notificare le rispettive entità valutate. Anche in questo caso si tratta di un requisito regolamentare che tende a proteggere le imprese oggetto di valutazione, che potranno procedere ad una segnalazione di eventuali errori materiali nelle informazioni utilizzate per il rating.
I rating di modeFinance emessi in conformità al Regolamento CE 1060/2009 e seguenti potranno essere utilizzati ai fini regolamentari in tutti i Paesi dell’Unione Europea. modeFinance è ora riconosciuta anche come ECAI (External Credit Assessment Institution) in base all’art. 135(2) della Capital Requirements Regulation.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’azienda Italia? È abbastanza forte per superare la crisi

Fondi, gestione del rischio con il Fintech

Coronavirus, il 65% delle Pmi italiane a rischio fallimento

NEWSLETTER
Iscriviti
X