Hedge fund in migliore posizione rispetto a mercato immobiliare e commodity

A
A
A
di Finanza Operativa 14 Luglio 2015 | 16:30

A cura di Tobias Merath, Head of Cross Asset and AI analysis, Credit Suisse
Performance divergente tra gli investimenti alternativi Di recente, gli investimenti alternativi hanno evidenziato performance sempre più divergenti, dal momento che l’aumento dei rendimenti obbligazionari incide sui mercati immobiliari e delle commodity più che sugli hedge fund. Viste le probabilità di ulteriori rialzi dei rendimenti obbligazionari, questa divergenza è destinata a proseguire, e ci induce quindi a preferire gli hedge fund rispetto a commodity e mercato immobiliare. Gli hedge fund realizzano solide performance In maggio, gli hedge fund hanno realizzato solidi guadagni. Il Credit Suisse Hedge Fund Index ha registrato un rialzo dello 0,8%, portando i guadagni da inizio anno al 3,4%*. Gli indicatori prospettici mostrano i primi segnali di miglioramento, e la correlazione tra i singoli stili di hedge fund è diminuita. Questo è un fattore positivo. Una politica monetaria divergente tra gli USA e la maggior parte degli altri paesi, nonché la forte volatilità di alcuni segmenti del mercato, stanno ampliando le opportunità a disposizione dei gestori di fondi. Riteniamo che gli hedge fund continueranno a registrare buone performance, e preferiamo gli stili di trading tattico che sono in grado di adattarsi al mutare delle condizioni di mercato. Desideriamo inoltre evidenziare il miglioramento delle prospettive per i fondi merger arbitrage. Poiché l’attività di fusione e acquisizione è in ripresa, le opportunità a disposizione di questi gestori aumentano rapidamente.
Commodity: l’eccesso di offerta penalizza i prezzi Le commodity sono calate dai picchi di maggio e le prospettive restano difficili. Molti mercati soffrono di un’eccedenza dell’offerta e i dati economici delle principali regioni consumatrici di commodity, come la Cina, restano deboli. Altrettanto negativo è il rialzo dei rendimenti obbligazionari. Prevediamo ulteriori cali dei prezzi. Nell’ambito delle commodity, il petrolio dovrebbe andar meglio delle altre materie prime, per via della sua positiva dinamica tecnica. Essendo particolarmente vulnerabile all’aumento dei rendimenti, l’oro dovrebbe deludere.
I REIT sono frenati dal rialzo dei tassi d’interesse I fondi d’investimento immobiliare (REIT) hanno registrato una correzione nelle ultime settimane, innescata dall’incremento dei rendimenti delle obbligazioni di riferimento. Mentre i fondamentali del mercato immobiliare diretto restano positivi, la classe di attivi è vulnerabile ad ulteriori incrementi dei rendimenti obbligazionari. Abbiamo quindi un’opinione neutrale sui REIT globali, preferendo i mercati britannico e giapponese in ragione dei fondamentali positivi del mercato diretto e dei fattori tecnici positivi. Nel Regno Unito, l’offerta appare particolarmente limitata nel mercato immobiliare commerciale, un fattore quindi favorevole.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borse internazionali: il punto tecnico di Aldrovandi al 28/01/22

Materie prime: ecco il portafoglio in Etc con un rialzo superiore all’85%

Asset allocation, commodity: i vantaggi che offrono in questa fase

NEWSLETTER
Iscriviti
X