Investimenti alternativi: la Grecia pesa su tutte le asset class

A
A
A
di Finanza Operativa 17 Luglio 2015 | 14:00

a cura di Lyxor AM

Il Lyxor Hedge Fund Index ha ceduto l’1,9% a giugno. Nessuno dei 12 indici Lyxor ha chiuso il mese in territorio positivo. Il Lyxor Fixed Income Arbitrage Index (0%), il Lyxor Convertible Arbitrage Index (-0,1%) e il Lyxor Variable Bias Index (-0,8%) hanno ottenuto le performance migliori.
Dopo la nuova impennata delle curve dei rendimenti globali a inizio giugno è subentrata un’improvvisa ondata di avversione al rischio legata alla Grecia. Una seconda fase di reinclinazione delle curve, cominciata ai primi di giugno, ha fatto salire di circa 40 bp i rendimenti tedeschi decennali e di 30 bp quelli dei Treasury USA. L’euro ha chiuso il periodo agli stessi livelli di inizio mese, pur con un’elevata volatilità. I mercati azionari hanno rispecchiato la crescente avversione al rischio e la forte incertezza riguardo all’esito della vicenda greca. Le azioni dell’area euro hanno perso il 5%, quelle britanniche il 6% e quelle statunitensi il 2%. La bolla continentale dei mercati cinesi ha iniziato a sgonfiarsi e le azioni di classe A cinesi sono crollate del 14%, provocando una flessione del 4,5% dei principali mercati emergenti.

A fine mese i fondi presenti nella piattaforma Lyxor presentavano una moderata esposizione diretta al rischio Grecia. Un numero limitato di fondi presenta esposizioni nette dirette ad asset greci e, per di più, esse sono alquanto limitate.

Le esposizioni agli asset europei (azioni, obbligazioni e valute) sono più significative e presenti in tutte le strategie. L’esposizione netta massima agli asset europei (considerando l’insieme di azioni, obbligazioni e valute) è pari al 14% del NAV, e varia dal -17% delle strategie Global Macro al 37% dei gestori Credit. I CTA hanno un’esposizione complessiva media a tali asset del 18% e sono lunghi sulla duration e sulle azioni europee. Ciò è in parte controbilanciato da posizioni corte sull’euro. Tuttavia, la dispersione delle esposizioni tra i gestori è alta. I fondi Global Macro hanno esposizioni simili a quelle dei CTA, eccetto per la poszione corta sui titoli obbligazionari europei. In media, tali fondi hanno un’esposizione corta del 17% agli asset europei. Il rischio delle strategie L/S Equity ed Event Driven è concentrato nelle posizioni lunghe su azioni europee (pari rispettivamente all’11% e al 14%). Le esposizioni a obbligazioni e valute europee sono invece limitate. I gestori Credit hanno la maggiore esposizione lunga sulla duration europea (38% del NAV).

In sintesi, tutte le strategie detengono asset europei. Ciononostante, la loro esposizione complessiva sembra moderata ed è in genere parzialmente coperta.

I fondi L/S Equity, pur perdendo terreno, hanno sovraperformato le azioni globali grazie all’alfa. La Grecia e la Cina sono state naturalmente i fattori macro trainanti a giugno e hanno pesato in termini di beta. Tuttavia, i fondi L/S Equity sono riusciti a generare un alfa significativo. Il ritorno della dispersione tra le azioni è stato favorevole per i gestori statunitensi e per i fondi variable bias in Europa. Il contesto per i fondi Market Neutral è stato più difficile, con l’andamento dei mercati dettato principalmente da fattori speculativi. Diversamente rispetto a maggio, i gestori asiatici sono stati penalizzati a giugno. La fase rialzista del mercato cinese, sempre più scollegata dai fondamentali, è stata alimentata da diversi elementi, tra cui l’allentamento monetario, la liberalizzazione del mercato, i flussi interni, un crescente utilizzo della leva e le riforme strutturali promettenti. Le prese di profitto, una lunga serie di IPO in attesa e i segnali di nervosismo delle autorità hanno provocato una preoccupante inversione di tendenza. La dispersione è stata elevata tra gli specialisti dei mercati emergenti. In particolare, i fondi EMEA hanno ottenuto risultati relativamente migliori, grazie a molteplici opportunità di valore relativo.

I rendimenti dei fondi Event Driven sono stati in linea con l’aumento dell’avversione al rischio. La maggior parte della sottoperformance ha avuto luogo nell’ultima settimana di giugno. Durante la terza settimana, i fondi Merger Arbitrage di Lyxor hanno subito una lieve flessione del -0,4% da inizio mese, mentre nello stesso periodo i fondi Special Situation hanno guadagnato un modesto +0,4% a livello aggregato. La performance ha rispecchiato principalmente sviluppi idiosincratici. Il contributo positivo di una nuova serie di operazioni di fusione e acquisizione è stato controbilanciato dalla volatilità delle transazioni nel settore healthcare, a causa di un irrigidimento delle disposizioni antitrust.

L’ultima settimana di giugno è stata fortemente condizionata da fattori macro. L’aumento dell’avversione al rischio ha inciso negativamente sia sugli spread delle operazioni che sulla valutazione delle situazioni aziendali. Com’era prevedibile, il maggiore contributo negativo è derivato dagli asset europei (esposizione netta del 15% a livello aggregato). I gestori sono sempre più ottimisti sull’attività societaria europea.

L’indice Lyxor L/S Credit Arbitrage ha ceduto l’1,3% a giugno. I fondi Credit hanno risentito soprattutto dell’esposizione beta. Il posizionamento difensivo ha consentito di sovraperformare l’esposizione sottostante. Le principali perdite si sono registrate su obbligazioni di emittenti finanziari europei e sugli spread dei Paesi periferici.

I CTA hanno risentito di una seconda ondata di inclinazione delle curve e, successivamente, delle vicende greche. Una seconda fase di inclinazione delle curve è cominciata agli inizi di giugno, ma ha avuto un impatto più moderato rispetto alla precedente, in particolare perché la maggioranza dei CTA ha drasticamente ridotto l’esposizione a maggio. Questi fondi hanno di fatto dimezzato l’esposizione netta complessiva a livello aggregato e gran parte del rischio direzionale si è concentrato sulle posizioni lunghe su azioni. L’improvvisa inasprimento del rischio Grecia a fine giugno ha avuto un impatto più marcato. Le esposizioni sono state parzialmente ricostituite durante il mese con il ritorno della propensione al rischio. Alla fine del periodo sono svanite le speranze del raggiungimento di un accordo con la Grecia. Le correzioni seguite all’annuncio del referendum sono state particolarmente pesanti per le strategie a breve termine, che avevano adeguato le posizioni più rapidamente.

Le numerose oscillazioni delle aspettative da parte degli investitori hanno penalizzato i fondi Global Macro. Le fasi di propensione e avversione al rischio si sono alternate da una settimana all’altra, rispecchiando l’evoluzione della fiducia nei confronti di una soluzione della crisi greca. L’elevato livello di incertezza trova riscontro nell’esposizione divergente dei fondi Global Macro, soprattutto verso i mercati obbligazionari. Le posizioni lunghe sulle azioni hanno fornito il principale contributo negativo durante il mese. Il contributo delle materie prime è stato marginale. L’impatto della componente valutaria è stato volatile. A fine mese, a livello aggregato, gran parte dell’esposizione dei fondi Lyxor Global Macro era in valute (esposizione complessiva lunga all’USD), in posizioni lunghe su azioni (soprattutto europee) ed in posizioni lunghe su obbligazioni (soprattutto statunitensi).

“Le banche centrali hanno gonfiato i prezzi degli asset e quasi tutti i mercati obbligazionari e azionari mostrano valutazioni eque o eccessive. In questo difficile contesto, nuovi regimi di volatilità/dispersione/correlazione dovrebbero favorire la generazione di alfa da parte degli hedge fund” afferma Jeanne Asseraf-Bitton, Global Head of Cross Asset Research di Lyxor AM.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mutui e surroghe, i trend secondo Crif

Frenano le richieste di credito presentate dalle imprese italiane

Mercato mutui Italia, battuta d’arresto a gennaio

NEWSLETTER
Iscriviti
X