Arabia Saudita e Iran potrebbe cancellare i recenti cali del petrolio?

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Gennaio 2016 | 12:30

Nicolas Robin, gestore specializzato sulle commodities di Columbia Threadneedle Investments, dice di “No”, e spiega: “E’ improbabile che le recenti tensioni tra l’Arabia Saudita e l’Iran possano sostenere un aumento dei prezzi del petrolio. Ora che i due paesi hanno tagliato i legami diplomatici, è improbabile che possano lavorare insieme per apportare tagli alla produzione Opec“.

“Inoltre – continua il gestore – questa più recente tensione tra i due alimenta ulteriormente i conflitti in Yemen, Siria, Iraq e Libia. Il contesto del prezzo del petrolio basso sta mettendo significativamente a dura prova sia le compagnie petrolifere indipendenti che i paesi produttori”.

“Negli Stati Uniti, i prossimi trimestri saranno cruciali per molti dei suoi protagonisti legati al gas di scisto, mentre alcuni dei paesi produttori di petrolio più deboli probabilmente continueranno a lottare e ad affrontare tensioni sociali poichè i bassi guadagni legati al petrolio forzano i goveri a ridurre le sovvenzioni alle loro economie nazionali”.

Columbia Threadneedle Investments ritiene che ciò che finirà per riportare i prezzi al di sopra di 60 dollari per barile sarà la combinazione di pressioni finanziarie che costringeranno a ridurre gli investimenti delle società (e l’uscita in futuro), la minaccia della stabilità sociale dei paesi produttori e una maggiore domanda di petrolio a questi bassi livelli.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dollaro e Opec Plus pesano su prezzi petrolio (e benzina)

Petrolio e guerra dei prezzi, gli impatti sul mercato dell’energia e sulla Russia

Non solo petrolio, le opportunità in Arabia Saudita

NEWSLETTER
Iscriviti
X