Non farming payrols: deludono, ma i salari crescono oltre le stime

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Febbraio 2016 | 15:19

a cura di Filippo Diodovich, market strategist di IG

L’US Bureau of Labor Statistics ha comunicato che, nel mese di gennaio, sono stati creati, nei settori non agricoli, 151 mila nuovi posti di lavoro, dato inferiore alle aspettative del consensus (+190k). Il tasso di disoccupazione si è attestato al 4,9% (5% a dicembre, attese 5%) e il tasso di partecipazione al lavoro ha registrato un lieve rialzo al 62,7% dal 62,6%.

Riviste le cifre dei mesi precedenti (-2mila posti di lavoro rispetto alle stime precedenti). Il dato di novembre è stato rivisto al rialzo a +280mila (da +252mila), quello di dicembre al ribasso a +262mila (da +292mila). Negli ultimi tre mesi la media mensile di creazione dei posti di lavoro è pari a +231mila. Il tasso di disoccupazione giovanile si attesta al 16,0%, disoccupazione donne (4,5%), uomini (4,5%), afroamericani (8,8%), asiatici (3,7%), ispanici (5,9%).

Ottimo invece dato sull’andamento dei salari, su base mensile crescita dello 0,5%, su base annuale del 2,5%. Le aspettative erano ben inferiori (+0,3% m/m, +2,2% a/a)

Valutazione Luci e ombre sulle cifre del mercato del lavoro. Nonostante l’iniziale debolezza del dollaro il biglietto verde ha recuperato terreno e ha guadagnato contro le principali divise. Riteniamo che la crescita salariale ben superiore alle attese abbia spinto gli acquisti sul dollaro. Nei mesi scorsi era stata proprio la bassa e debole crescita salariale a preoccupare i membri del Board della Fed.  Cambiano lievemente anche le probabilità implicite nell’andamento dei prezzi dei futures sui Fed Funds. A fine anno la probabilità di un rialzo allo 0,75% è ora pari al 33% rispetto al 30% pre-dato.

Euro/dollaro in discesa da 1,1210 a 1,1150.  Movimento ribassista importante ma ancora non particolarmente significativo. Solamente una discesa al di sotto di 1,1070 potrebbe rialimentare le pressioni ribassiste di medio periodo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, sorpresa: la disoccupazione favorisce l’azionario

Mercati, dollaro vittima della disoccupazione Usa

Investimenti, ecco la correlazione nascosta da sfruttare

NEWSLETTER
Iscriviti
X