Come e perché investire nell’oro

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 17 Febbraio 2016 | 13:30

A cura di Exante

Uno dei modi più noti di in­ve­sti­re è l’ac­qui­sta­re di me­tal­li pre­zio­si: ar­gen­to, oro, pla­ti­no e così via. L’ac­qui­sto dei me­tal­li è dif­fu­so e anche con­si­de­ra­to pre­sti­gio­so. Però si può dire che sia sem­pre van­tag­gio­so? Solo se com­pren­de­te bene la spe­ci­fi­ca del mer­ca­to. Ci sono molti det­ta­gli da men­zio­na­re.

Que­st’ar­ti­co­lo ri­guar­de­rà in­nan­zi­tut­to l’oro come il me­tal­lo più com­pra­to. Ma la mag­gior parte delle in­for­ma­zio­ni sa­reb­be va­li­da anche per gli altri me­tal­li, da non di­men­ti­ca­re che la di­na­mi­ca plu­rien­na­le dei loro prez­zi as­so­mi­glia quel­la del­l’o­ro.

Perché investire nei metalli preziosi?

Per in­ve­sti­re in modo giu­sto nei me­tal­li pre­zio­si, si deve tener conto del loro posto reale nel­l’e­co­no­mia di oggi e dei mec­ca­ni­smi del for­mar­si dei loro prez­zi.

A prima vista, i me­tal­li pre­zio­si ven­go­no ap­prez­za­ti so­pra­ttut­to per tra­di­zio­ne. Tempo fa le mo­ne­te si coniavano in o­ro e ar­gen­to e anche nel No­ve­cen­to molti paesi hanno man­te­nu­to il si­ste­ma aureo conservando i me­tal­li pre­zio­si in qua­li­tà di ga­ran­zia per le loro va­lu­te. Per esem­pio, gli USA hanno ri­nun­cia­to de­fi­ni­ti­va­men­te al si­ste­ma aureo solo nel 1971.

Però gli in­ve­sti­to­ri sono per­so­ne prag­ma­ti­che ed è poco pro­ba­bi­le che si ag­grap­pi­no alle norme del pas­sa­to così a lungo. Oggi nes­sun paese ri­tie­ne i me­tal­li pre­zio­si come ga­ran­zia per la va­lu­ta. No­no­stan­te ciò non sono sol­tan­toi privati a con­ti­nua­re a in­ve­sti­re molto nei me­tal­li, ma anche paesi in­te­ri. Le ban­che cen­tra­li di molti paesi non sol­tan­to ten­go­no una parte delle ri­ser­ve in oro, ma ne au­men­ta­no la quota re­go­lar­men­te ai loro bi­lan­ci. Per­ché?

Come ri­sul­ta dalla pra­ti­ca, l’oro man­tie­ne sta­bil­men­te la sua ca­pa­ci­tà d’ac­qui­sto du­ran­te lun­ghi pe­rio­di nella sto­ria. E’ più sta­bi­le di una qual­sia­si va­lu­ta na­zio­na­le priva del si­ste­ma aureo. Per esem­pio, al­l’i­ni­zio degli anni ’70 un’on­cia d’oro co­sta­va circa 35 $. Al­lo­ra era il prez­zo di un buon abito da uomo. Oggi un’on­cia d’oro costa circa 1.100 $ che è sem­pre suf­fi­cien­te per com­pra­re un abito, in con­tra­sto a 35 $. Si­gni­fi­ca che i prez­zi del­l’o­ro sono cre­sciu­ti tanto quan­to i prez­zi di abiti, men­tre la ca­pa­ci­tà d’ac­qui­sto del dol­la­ro si è ri­dot­ta no­te­vol­men­te per l’in­fla­zio­ne. Te­ne­re i ri­spar­mi in dol­la­ri è svan­tag­gio­so a causa del­l’in­fla­zio­ne, te­ner­li in abiti è ri­di­co­lo a causa delle dif­fi­col­tà tec­ni­che del de­po­si­to e della moda, ma te­ner­li in oro va be­nis­si­mo.

L’oro viene so­pra­tut­to ac­qui­sta­to nei pe­rio­di di in­sta­bi­li­tà po­li­ti­ca ed eco­no­mi­ca. Im­pe­ri, va­lu­te e re­gi­mi po­li­ti­ci cam­bia­no, ma l’oro ha sem­pre po­te­re sulla gente. In molte si­tua­zio­ni dif­fi­ci­li ha aiu­ta­to a sal­va­re non solo i ri­spar­mi, ma anche la vita degli in­ve­sti­to­ri. Pro­prio per que­sto du­ran­te i pe­rio­di di in­cer­tez­za in­ve­sti­to­ri com­pro­no spes­so l’oro in qua­li­tà di un at­ti­vo as­si­cu­ra­ti­vo.

Un’al­tra ra­gio­ne per cui vale la pena in­ve­sti­re nei me­tal­li è la di­ver­si­fi­ca­zio­ne degli at­ti­vi. Il prez­zo dei me­tal­li cor­re­la poco con il costo di azio­ni, ob­bli­ga­zio­ni e im­mo­bi­li, per­ciò co­sti­tui­sce un buon pa­nie­re in­di­pen­den­te per met­ter­ci “una parte delle uova”.

Come investire nei metalli preziosi?

Ci sono al­cu­ni modi di in­ve­sti­re nei me­tal­li pre­zio­si, cia­scu­no dei quali ha delle sue par­ti­co­la­ri­tà.

Il modo più fa­ci­le usato dal­l’u­ma­ni­tà dai vec­chi tempi è l’ac­qui­sto di gio­iel­le­ria. Però è un modo molto inef­fi­ca­ce di in­ve­sti­re. Ben­ché anel­li, orec­chi­ni, brac­cia­let­ti com­pra­ti si pos­sa­no ven­de­re a qual­cu­no o por­ta­re a un’a­gen­zia pegni, può ri­sul­ta­re estre­ma­men­te svan­tag­gio­so. Degli at­ti­vi si­mi­li sono poco li­qui­di, e non ne esi­sto­no in ge­ne­ra­le delle quo­ta­zio­ni. Li ven­de­re­te per il prez­zo concordato. Il prez­zo della ven­di­ta piut­to­sto non ri­flet­te­rà il va­lo­re di mer­ca­to in quel mo­men­to. Molto spes­so in agen­zie di pegni i gio­iel­li ven­go­no com­pra­ti per un prez­zo meno di una metà del costo ini­zia­le del capo. Quan­to alle per­so­ne comuni che non sono esper­te nel­l’am­bi­to del­l’ar­te orafa, è molto pro­ba­bi­le che ab­bia­no paura di com­pra­re una merce del ge­ne­re da ven­di­to­ri senza li­cen­za: per­ché si può ri­ve­la­re finta.

Un modo più ra­gio­ne­vo­le di in­ve­sti­re nei me­tal­li è l’ac­qui­sta­re delle mo­ne­te d’in­ve­sti­men­ti e lin­got­ti d’oro.

Lin­got­ti e mo­ne­te si ven­do­no in molte ban­che, la loro com­po­si­zio­ne è cer­ti­fi­ca­ta (di re­go­la è il ti­to­lo 999), hanno un im­bal­lo spe­cia­le e si ri­com­pra­no fa­cil­men­te da parte della banca (a meno che l’im­bal­lo non sia stato tolto).

Par­lia­mo non delle mo­ne­te spe­cia­li da col­le­zio­na­re (il cui prez­zo non viene de­fi­ni­to dalla com­po­si­zio­ne), ma delle mo­ne­te spe­cia­li emes­se dalle ban­che pro­prio per in­ve­sti­to­ri. Però in al­cu­ni paesi tale tipo di merce è con­si­de­ra­to pari a una gran­de pro­prie­tà e viene tas­sa­to con le im­po­ste spe­cia­li che pos­so­no an­nul­la­re del tutto il vo­stro pro­fit­to. Prima di com­pra­re una merce del ge­ne­re, bi­so­gna sa­pe­re in tutti i det­ta­gli dalla banca quan­ti soldi do­vre­te pa­ga­re in real­tà nel­l’ac­qui­sta­re e quan­to ri­ce­ve­re­te nel ven­de­re. Vale la pena fare at­ten­zio­ne anche alle con­di­zio­ni del riac­qui­sto: si po­treb­be ri­sul­ta­re che la banca per qual­che ra­gio­ne (per esem­pio, de­for­ma­zio­ne del­l’im­bal­lo o del lin­got­to stes­so) ri­fiu­te­rà di riac­qui­sta­re il lin­got­to; in tal caso po­treb­be es­se­re com­pra­to da un’al­tra banca; op­pu­re do­vre­te an­da­re a ven­der­lo personalmente ad un compro oro, a un prez­zo molto mi­no­re.

Un altro modo sem­pre meno fa­ti­co­so, ma più vir­tua­le di com­pra­re l’oro in al­cu­ni paesi è co­sid­det­ti conti ban­ca­ri me­tal­li­ci. E’ un sem­pli­ce de­po­si­to ban­ca­rio, la cui en­ti­tà cam­bia col tempo non se­con­do un tasso d’in­te­res­se de­ter­mi­na­to, ma in con­for­mi­tà con il prez­zo del me­tal­lo. Sup­po­nia­mo che oggi una banca venda l’oro per 1000 $ al­l’on­cia. Po­te­te apri­re un conto me­tal­li­co, pa­ga­re que­sta somma. La banca scri­ve­rà che pos­se­de­te vir­tual­men­te un oncia d’oro. Lo po­te­te su­bi­to ri­ven­de­re alla banca, ma a causa della dif­fe­ren­za tra il prez­zo per cui la banca l’ha ven­du­to e quel­lo del riac­qui­sto, fi­ni­re­te col per­de­re de­na­ro.

Però se do­ma­ni i prez­zi cre­sce­ran­no e la banca com­pre­rà l’oro per 1100 $, po­tre­te ven­de­re que­sta oncia alla banca per un nuovo prez­zo. Di re­go­la, il vo­lu­me dello spread è di gran lunga inferiore alle im­po­ste ri­scos­se in caso di com­pra­ven­di­ta di lin­got­ti, al­lo­ra un in­ve­sti­men­to del ge­ne­re in media è più van­tag­gio­so. Però ha un evi­den­te lato ne­ga­ti­vo: l’oro è vir­tua­le, e in caso di fal­li­men­to della banca non lo ri­ce­ve­re­te. Per­ciò un tale modo di in­ve­sti­re non con­vie­ne af­fat­to a co­lo­ro che con­si­de­ra­no l’oro come ga­ran­zia dai cam­bia­men­ti so­cia­li.

Un modo più af­fi­da­bi­le e nello stes­so tempo sem­pli­ce di com­pra­re l’oro è l’ac­qui­sto tra­mi­te un bro­ker in una borsa. Così come nel com­pra­re del­l’o­ro sul conto me­tal­li­co, nel­l’ac­qui­sta­re l’oro in borsa il clien­te di so­li­to non lo ri­ce­ve fi­si­ca­men­te. Tut­ta­via, come ri­sul­ta dalla sto­ria, le borse sono più af­fi­da­bi­li delle ban­che medie. Per esem­pio, quan­do du­ran­te la Se­con­da guer­ra mon­dia­le un mis­si­le è stato lan­cia­to nella sede della Borsa di Lon­dra, gli scam­bi non si sono fer­ma­ti, ma solo tem­po­ral­men­te tra­sfe­ri­ti nella can­ti­na.

La ne­go­zia­zio­ne me­dian­te un bro­ker e una borsa per­met­te di in­ve­sti­re nei me­tal­li non solo di­ret­ta­men­te, ma anche usan­do dei vari me­to­di in­di­ret­ti. Per esem­pio, si può com­pra­re non l’oro, ma un fu­tu­re. Ma per farlo oc­cor­ro­no delle co­no­scen­ze spe­ci­fi­che, al­tri­men­ti è una va­rian­te molto ri­schio­sa. Un altro modo in­te­res­san­te è l’ac­qui­sta­re delle azio­ni delle so­cie­tà au­ri­fe­re op­pu­re ETF spe­cia­liz­za­ti in oro. Ma tutto que­sto ri­fe­ri­sce per la più parte al mer­ca­to va­lo­ri, non al mer­ca­to dei me­tal­li, e le re­go­le del gioco lì sono di­ver­se. Cer­ta­men­te, non è ne­ces­sa­rio che l’au­men­to del prez­zo del­l’o­ro stes­so porti sen­z’al­tro alla cre­sci­ta pro­por­zio­na­le dei prez­zi delle azio­ni delle azien­de au­ri­fe­re.

Tutto sommato: vale la pena investire in metalli o no?

A dif­fe­ren­za degli anni 2000, quan­do l’oro e l’ar­gen­to an­da­va­no con­ti­nua­men­te e ra­pi­da­men­te in cre­sci­ta, ades­so non sono più at­ti­vi dal “pro­fit­to ga­ran­ti­to”. No­no­stan­te ciò, i me­tal­li ri­man­go­no buoni at­ti­vi nella loro nic­chia. Per­met­to­no sem­pre di ri­sol­ve­re tre pro­ble­mi prin­ci­pa­li.

  • Obiet­ti­vo 1. Di­ver­si­fi­ca­zio­ne. Poi­ché il prez­zo dei me­tal­li cor­re­la poco con il prez­zo della mag­gior parte degli altri at­ti­vi, vi con­ce­de­ran­no una ga­ran­zia de­ter­mi­na­ta in caso di calo degli altri mer­ca­ti. L’oro e altri me­tal­li hanno delle re­la­zio­ni par­ti­co­la­ri con il dol­la­ro. Sic­co­me i prez­zi in­ter­na­zio­na­li del­l’o­ro di re­go­la ven­go­no espres­si in dol­la­ri, il me­tal­lo pre­zio­so di so­li­to di­ven­ta più caro in caso di sva­lu­ta­zio­ne del dol­la­ro e vi­ce­ver­sa. Pos­sia­mo ri­cor­da­re la crisi del 2008, quan­do il prez­zo del dol­la­ro cre­sce­va e quel­lo del­l’o­ro ca­la­va per­ché molti ame­ri­ca­ni ave­va­no bi­so­gno delle somme no­te­vo­li per co­pri­re i de­bi­ti (e ven­de­va­no le ri­ser­ve d’oro). Ri­spet­ti­va­men­te, con l’oro ci si può ga­ran­ti­re la si­cu­rez­za dalla sva­lu­ta­zio­ne pos­si­bi­le del dol­la­ro (d’al­tron­de, su­bi­re per­di­te in caso di suo raf­for­za­men­to).
  • Obiet­ti­vo 2.Con­ser­va­zio­ne dei fondi in lungo ter­mi­ne. Prima di tutto, si trat­ta del­l’o­ro che da se­co­li con­fer­ma il suo stato di un ot­ti­mo at­ti­vo di ri­ser­va.
  • Obiet­ti­vo 3.Con­ser­va­re i fondi nei pe­rio­di del calo dei mer­ca­ti. Mal­gra­do la pos­si­bi­li­tà delle si­tua­zio­ni par­ti­co­la­ri tipo quel­la del 2008, nella mag­gior parte di altre crisi in mer­ca­to i prez­zi per i me­tal­li pre­zio­si ten­do­no di cre­sce­re. In caso di calo del corso di cam­bio di un gran nu­me­ro di azio­ni, molti in­ve­sti­to­ri le ven­do­no presi dal pa­ni­co e con­ver­to­no gli at­ti­vi in con­tan­ti o me­tal­li.

In con­clu­sio­ne di­cia­mo che tra tutte le va­rian­ti pos­si­bi­li di in­ve­sti­re in oro ci stan­no a cuore le ope­ra­zio­ni in borsa. Sono sem­pli­ci, non ri­chie­dono pre­sen­za per­so­na­le e per­met­tono di ne­go­zia­re l’oro se­con­do le quo­ta­zio­ni di mer­ca­to con spese in genere mi­ni­ma­li. Così come qual­sia­si altro at­ti­vo di borsa, l’oro si­gni­fi­ca ri­schi. Però il pe­ri­co­lo di per­de­re com­ple­ta­men­te l’at­ti­vo in caso di ac­qui­sto degli stru­men­ti di borsa è molto più basso che in caso si aprano dei conti ban­ca­ri op­pu­re si acquistino dei gio­iel­li. La pre­sen­za del mer­ca­to in­ter­na­zio­na­le ad alta li­qui­di­tà vi per­met­te­rà poi sem­pre, se vo­le­te, di ven­de­re fa­cil­men­te un at­ti­vo per un prez­zo ra­gio­ne­vo­le.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Exante lancia XAI, il primo fondo di altcoin al mondo

Exante lancia cinque fondi sulle valute alternative

Gli italiani e l’investimento in Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X