Etf, delistati due prodotti a leva doppia sul Ftse Mib

A
A
A
di Finanza Operativa 19 Febbraio 2016 | 14:20

ETF Securities ha annunciato che oggi il 19 febbraio 2016 sarà l’ultimo giorno di negoziazione per due Etf. Nel dettaglio saranno delistati l’ETFS FTSE® MIB Leveraged (Daily 2x) GO UCITS ETF (codice Isin IE00B4V5WD83) e l’ETFS FTSE® MIB Super Short Strategy (Daily 2x) GO UCITS ETF (Isin IE00B4TG8N52).

“L’Italia rimane un mercato centrale per la piattaforma Short & Long (S&L) di ETF Securities – ha affermato Townsend Lansing, responsabile della piattaforma ETC di ETF Securities – al 31 gennaio 2016 il 50% dei nostri asset globali S&L si trova in Borsa Italiana. Gli afflussi sulla piattaforma S&L italiana sono stati pari a 172 milioni di dollari americani nel 2015. La chiusura dei prodotti a leva 2x riflette una chiara preferenza dei nostri investitori verso un’esposizione alla leva 3x. Il volume attuale (in dollari americani) dei nostri prodotti a leva 3x sul FTSE MIB è di circa 2.5 volte superiore a quello degli equivalenti a leva 2x, il che riflette un maggiore appetito per la leva. I volumi medi (in dollari americani) dei nostri prodotti a leva 3x sul FTSE MIB superano ampiamente i nostri equivalenti a leva 2x. La crescente volatilità sul mercato ha spinto l’interesse verso la nostra gamma di prodotti a leva 3x. Ci aspettiamo che l’investimento azionario a leva 3x prosegua con forza e intendiamo focalizzare su di esso la nostra offerta sul FTSE MIB. La nostra gamma azionaria a leva 3x è cresciuta in maniera esponenziale dalla quotazione in Aprile 2014, con un AUM che ha superato i 110 milioni di dollari americani entro gennaio. La piattaforma ha già registrato circa 31.5 milioni di dollari americani di afflussi netti dall’inizio dell’anno”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Coima Res, Catella: “Il delisting è un passo per la crescita”

Sliding Doors a Piazza Affari: lo studio di Intermonte e del Politecnico di Milano

Wall Street, dal Congresso via libera alla stretta sui titoli cinesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X