La storia dell’asset allocation di portafoglio

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Aprile 2016 | 14:00

A cura di Daniele Bernardi, Ad Diaman Scf
Se volete conoscere l’evoluzione dei modelli di creazione dei portafogli di investimento venite al Salone del Risparmio il giorno 6 Aprile e alle ore 13.30 potrete avere molte informazioni sulla storia degli investimenti da Markowitz a Bertelli, ovvero dalla Portfolio Selection alla Return Parity.
Nel 1952 il primo computer sviluppato nelle sale della Institute of Advanced Study di Priceton aveva una memoria di 1024 parole e 2300 valvole a tubi Williams per funzionare.
In quell’anno Harry Markowitz scriveva il suo capolavoro Portfolio Selection; capolavoro perché è stato scritto in un’epoca dove non esisteva nemmeno la calcolatrice, figuriamoci un foglio excel per poter fare dei calcoli o simulazioni.
Fino a pochi giorni fa vivevo di retaggi culturali, conoscevo la frontiera efficiente perché me l’avevano spiegata e avevo preso per buono quello che mi era stato detto.
Mi ero creato un film e un’opinione, che comunque non cambio sulla validità del modello ex-ante, ma mai mi ero reso conto della validità di un tale trattato all’epoca in cui veniva redatto.
Pensate elaborare una teoria di rischio e rendimento, di calcolo della varianza utilizzando un foglio e una penna; un foglio millimetrato per fare i grafici (o forse nemmeno visti i grafici pubblicati).
b2ap3_thumbnail_Screenshot-2016-03-30-15.25.31.png
 
Troppo spesso noi giudichiamo senza conoscere bene quello di cui stiamo parlando, e faccio un mea culpa di questo, invece è fondamentale analizzare a fondo quello di cui vogliamo parlare ed esprimere opinioni che possono condizionare opinioni di altre persone.
Pensate che per fare un esempio sul piano cartesiano rischio/rendimento in realtà Markowitz ha usato un piano rendimento/rischio, ovvero le ascisse X segnano la variazione del rendimento atteso e le ordinate Y indicano la variazione della varianza (rischio).
b2ap3_thumbnail_Screenshot-2016-03-30-15.26.08.png
 
Pensate quanti passi avanti sono stati fatti e quanto le potenze di calcolo dei computer oggi permettono di fare anche a noi mortali che non abbiamo l’acume accademico di Markowitz, ma sicuramente, studiando, possiamo conoscere le sue ricerche e quelle di tanti altri illustri ricercatori e lavorare per migliorarle e trovare soluzioni di asset allocation sempre migliori.
Di questo parlerò insieme all’amico Ruggero Bertelli mercoledì 6 aprile al salone del risparmio dalle 13.30 all 14.30. Registratevi alla conferenza, conoscere in un’ora la storia e il futuro delle metodologie di Asset Allocation non ha prezzo, potrete fare un salto di qualità nella gestione dei vostri o altrui investimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mirabaud: il 2021 sarà l’anno delle obbligazioni convertibili

La view macro e l’asset allocation di Allianz GI per i prossimi mesi

Investimenti azionari: meglio focalizzasi su settori e temi che fare scelte geografiche

NEWSLETTER
Iscriviti
X