L’asset allocation di Ambrosetti AM SIM

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Marzo 2016 | 17:00

a cura di Ambrosetti AM Sim

Privilegiamo il mercato azionario con un peso relativamente maggiore rispetto alla componente meno rischiosa dei portafogli. A livello di allocazione non si segnalano variazioni di rilievo sul lato azionario con una maggiore esposizione, a livello di macro aree, per i mercati Euro c’e la conferma della selezione settoriale a favore dei comparti Healthcare, Consumi Ciclici e Non Ciclici. Sulla componente obbligazionaria vengono confermati gli investimenti sui temi governativi con, tuttavia, una significativa diversificazione sia su temi a spread come High Yield e Corporate, che su debito emergente a volatilità più contenuta. Rimane contenuta l’esposizione valutaria extra euro.

Dopo uno dei peggiori inizi d’anno a memoria di investitore azionario, il mese appena concluso ha confermato alcune nostre convinzioni: in primo luogo la validità dei livelli di minimo fatti registrare, in secondo luogo il proseguimento del clima di incertezza e di elevata volatilità. Il risultato finale è stato quello di un mese molto contrastato per i mercati azionari con significative oscillazioni e capovolgimenti di fronte, un mese a due velocità che ha replicato sostanzialmente quanto visto già a gennaio, con dapprima un ribasso significativo e poi un altrettanto vigoroso recupero favorito dalla significatività delle aree di minimo raggiunte, dal contestuale livello di forte ipervenduto e dall’eccessivo sentiment negativo che, come spesso succede, ha generato la valorizzazione di un’interessante opportunità di acquisto a prezzi “scontati”.

Sul rientro dell’avversione al rischio hanno giocato un ruolo determinante anche il rimbalzo del prezzo del petrolio ed il ritorno di fiducia sul comparto bancario che, seppur di fronte alla problematica delle sofferenze, presenta in generale dei livelli di patrimonializzazione decisamente superiori rispetto a quelli pre-crisi.

Sono molti i fattori che pesano sull’attuale fase di turbolenza: si passa dall’incertezza sul ciclo economico cinese alla tensione sul sistema bancario europeo, fino al collasso dei prezzi del Petrolio con i problemi deflazionistici da esso derivanti nei Paesi Sviluppati ed in Asia, a cui aggiungiamo un po’ di rischi geopolitici (dalla “Brexit” alla crisi dei migranti passando per il rischio terrorismo). Insomma una combinazione di incertezza che, al momento, i mercati prezzano con un outlook molto negativo, forse troppo, tanto che i recenti recuperi possono rappresentare un primo segnale di riallineamento positivo delle quotazioni introducendo, proprio per il mese di marzo, maggiori possibilità di vedere ulteriori concreti rialzi sul fronte azionario.

pesi azioni bond Forex

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti