Auto, +14% gli acquisti dei privati in aprile

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Maggio 2016 | 15:30

 Il mese di aprile, solo tecnicamente attenuato da un giorno lavorativo in meno, chiude in crescita dell’11,5% rispetto allo stesso periodo 2015. Le immatricolazioni di autovetture, secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, infatti, nel 4° mese dell’anno hanno raggiunto le 166.966 unità, circa 17.300 in più di quante se ne immatricolarono nell’aprile dello scorso anno, che registrò un volume di 149.700 auto vendute. Il 1° quadrimestre si porta al 18,6% di incremento, grazie alle 687.021 auto immatricolate, rispetto alle 579.315 dello stesso periodo 2015.

“Le vendite a privati – afferma Massimo Nordio, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – si confermano molto dinamiche fra i canali di vendita, grazie ad una necessità improrogabile di sostituire vecchie autovetture, già rimandata negli anni di crisi, e ad un mercato del credito decisamente più favorevole anche per i finanziamenti finalizzati all’acquisto di autovetture”.

“Proprio la spinta degli acquisti dei privati di questa prima parte dell’anno – prosegue Nordio – decisamente più ampia di quanto prevedibile, e l’ulteriore crescita del noleggio (nonostante il confronto con lo stesso periodo 2015, già fortemente in aumento grazie al contributo di eventi come l’Expo) portano a rivedere al rialzo in modo deciso la stima per l’anno 2016, considerando il peso che il 1° quadrimestre ricopre sui risultati del totale anno, mediamente intorno al 37% negli ultimi 5 anni”.

“Il mercato auto – afferma il Presidente – secondo le nostre stime, è atteso proseguire su tassi positivi per chiudere l’anno 2016 a 1.780.000 vetture immatricolate, in aumento del 13% rispetto alle 1.575.600 dell’intero 2015, con circa 200.000 auto in più”.

“Va però ricordato – prosegue Nordio – che la velocità di sostituzione del parco anziano resterà lenta senza stimoli strutturali: l’avvicinarsi dell’estate col prevedibile aumento della mobilità familiare è il momento giusto per imprimere una spinta verso la maggiore sicurezza e l’ambiente prima che l’autunno riproponga i temi dello smog”.

L’analisi della struttura del mercato mette in luce come gli acquisti dei privati siano cresciuti del 14%, raggiungendo il 61,6% di quota di mercato e acquisendo quasi un punto percentuale in più dello scorso anno. Nel cumulato gennaio-aprile l’incremento è pari al 25,6% con una rappresentatività al 62,7% del totale. Molto dinamiche anche le vendite a società che nel mese incrementano i propri volumi del 21,8%, recuperando 1,2 punti di quota, che arriva al 15,6% del mercato.

Nel 1° quadrimestre la crescita si porta al 12,3% (14,3% di quota), grazie anche al contributo del super-ammortamento che consente alle aziende che investono in beni strumentali, quindi anche in veicoli da lavoro, di portare in ammortamento il 140% del costo di acquisto. “Così come auspicato per la sua introduzione – conclude il Presidente – ed i risultati ci stanno dando ragione, raccomandiamo ora la proroga della misura di almeno un anno, come già avvenuto in Francia”.

Si stabilizzano, infine, le immatricolazioni a noleggio, che segnano appena un +2,9% in aprile, evidenziando una quota del 22,8%. Nei primi 4 mesi la crescita è del 7,4% ed una rappresentatività del 23%. Nel dettaglio fra breve e lungo termine si evidenziano, però, dinamiche contrapposte: il lungo termine, infatti, in aprile incrementa del 26,1% i propri volumi, crescita che si somma a quella a doppia cifra dell’aprile 2015, mentre il breve termine cede il 17,1% in termini di unità vendute, confrontandosi con lo stesso periodo dello scorso anno in aumento di quasi il 25%.

Nel mese crescono a doppia cifra anche le immatricolazioni di autovetture a benzina (+28,1%) e diesel (+10,9%), con la prima che raggiunge il 35,4% di quota di mercato, crescendo di quasi 4,5 punti percentuali. Complice il basso costo dei carburanti tradizionali, continuano ad evidenziare, invece, riduzioni a doppia cifra le vetture a basso impatto ambientale, quali GPL (-25,3%), metano (-21,9%) ed elettriche (-12%). Fanno eccezione le auto ibride che proseguono la sostanziosa crescita in volume (+41,2% in aprile), con una quota di mercato che sale all’1,8%.

In aumento nel mese di aprile tutti i segmenti del mercato, con crescite più attenuate per city car e vetture del segmento alto di gamma. Sul fronte delle carrozzerie buone crescite a doppia cifra per tutte, ad eccezione delle monovolume piccole e compatte, multispazio e coupè, che segnano flessioni a doppia cifra. L’Italia Nord orientale, seppur la meno dinamica in aprile in termini di immatricolazioni (+4,5%), si conferma come l’area più rappresentativa del Paese. Per concludere l’analisi del mercato, i trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) si mantengono stabili in aprile (+0,9%) grazie alle 402.330 unità a fronte delle 398.746 dell’aprile 2015. Nel 1° quadrimestre la crescita è del 5,8% con 1.645.235 trasferimenti, rispetto ai 1.554.694 del gennaio-aprile dello scorso anno.

(clicca la tabella per ingrandire)

unrae dati aprile 2016

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Economia Usa: il ciclo continua?

BRICS, l’acronimo ritroverà smalto nel 2018?

Bias negativo sulla sterlina: i risltati dell’indice Brexometer

NEWSLETTER
Iscriviti
X