Draghi sarà ancora “Super Mario”?

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Marzo 2016 | 12:00

di Keith Wade, Chief Economist & Strategist, Schroders

Forse è arrivato il momento che le autorità di politica monetaria pensino a qualcosa fuori dagli schemi, se vogliono mantenere la propria credibilità. In vista del meeting di giovedì 10 marzo della Banca centrale europea, sono tre i fattori ad aver delineato un quadro favorevole a potenziali ulteriori allentamenti di politica monetaria:

  • bassi prezzi del petrolio
  • timori per la crescita globale
  • deterioramento delle aspettative sull’inflazione basate sull’andamento del mercato

Risposte di politica monetaria simili a quelle già date in passato, cioè tagli dei tassi o un’espansione del QE, potrebbero non produrre nel medio periodo risultati significativamente diversi da quelli osservati finora, con crescita e inflazione basse, in un contesto di espansione economica globale debole. Sono queste considerazioni forse a spingere il mercato a chiedersi quali siano le politiche veramente efficaci che le Banche Centrali possono ancora porre in essere.

Ammettere la sconfitta di fronte alla persistente debolezza dell’inflazione comporterebbe una revisione al ribasso a livello globale dei target sui prezzi al consumo, qualcosa di completamento nuovo. In particolare, il presidente della Bce, Mario Draghi, è stato risoluto nel sottolineare di non essere disposto ad “arrendersi” alla bassa inflazione.

Per almeno tutto lo scorso decennio, il credo generale dei mercati è stato che, al di là della situazione, le Banche Centrali avrebbero aiutato a limitare le perdite negli asset rischiosi, tagliando i tassi di interesse o introducendo il QE (idea conosciuta anche come “opzione put”). Questa scuola di pensiero è stata messa in discussione nelle ultime settimane, in quanto le ulteriori azioni di politica monetaria possibili a disposizione degli Istituti centrali appaiono limitate, perlomeno se confrontate a quelle disponibili in passato.

La politica monetaria è stata mantenuta molto accomodante. Ciononostante, è difficile vedere segnali di forte crescita e inflazione.

Il problema dell’inflazione è che più a lungo resta bassa, più si consolidano le basse aspettative di lungo periodo sull’andamento della stessa. Questo non è solo un problema europeo, visto che le attese sull’inflazione media a 6-10 anni stanno calando in tutti i mercati principali. Anche le aspettative dei consumatori sull’indice dei prezzi al consumo si sono deteriorate negli ultimi anni.

Le attese di medio-lungo periodo sull’inflazione hanno seguito un trend ribassista dal 2011 e i livelli attuali sono prossimi ai minimi storici (nonostante si mantengano ancora ben al di sopra del target di inflazione al 2%). Con l’inflazione, o l’assenza di essa, il meeting della Bce e le parole del presidente, Mario Draghi, saranno inevitabilmente un argomento chiave per gli investitori.

Il mercato ha già soprannominato il presidente della Bce “Super Mario” dopo l’annuncio a sorpresa del programma di acquisto asset (QE) a gennaio 2015. Giovedì scopriremo se il soprannome sarà ancora meritato, dopo la delusione del meeting di dicembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, le attese degli analisti e dei gestori per il meeting di oggi

Jackson Hole, tutti in attesa delle parole di Powell

Rimeu (La Française AM): “Fomc inifluente ma attenzione a Jackson Hole”

NEWSLETTER
Iscriviti
X