M&A: nel secondo trimestre in aumento il numero delle grandi operazioni

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Luglio 2016 | 17:00

Secondo l’indagine Quarterly Deal Performance Monitor di Willis Towers Watson, con dieci operazioni completate, per il secondo trimestre consecutivo il numero di mega deal M&A ha raggiunto un nuovo massimo storico. Questo a fronte di cinque deal conclusi nello stesso periodo del 2015 e in un contesto di calo generale dei volumi di M&A durante il periodo.

L’indagine, realizzata in collaborazione con la Cass Business School, rivela inoltre che gli acquirer hanno continuato a ottenere ottimi rendimenti finanziari, continuando la corsa che prosegue ininterrotta con quattordici trimestri consecutivi di sovraperformance e che ha visto deal-makers restituire un sovraperformance di mercato di 7,3 punti percentuali rispetto al 5.3 del trimestre precedente.

Andrea Scaffidi, Senior Consultant di Willis Towers Watson Italia, afferma: “Rispetto alla fine dello scorso anno registriamo un marcato rallentamento dei volume delle operazioni di M&A; tuttavia l’elevato numero di mega deal conclusi nel trimestre mostra una continua fiducia dei grandi acquirer e tempi più lunghi per la conclusione di grandi operazioni.

A livello regionale, con 88 operazioni completate nel 2° trimestre 2016 rispetto alle 119 nel corrispondente trimestre del 2015, registriamo un significativo calo dei volumi in Nord America. Anche Asia ed Europa hanno registrato un calo in egual misura con rispettivamente 58 e 34 operazioni completate nel secondo trimestre  rispetto alle 79 e 43 nello stesso periodo del 2015.

Gli acquirer asiatici hanno mantenuto il primo posto riguardo i rendimenti delle operazioni con una sovraperformance del 22.8pp sopra l’indice regionale. Seguono gli acquirer europei che hanno sovraperformato di 5.9pp il loro indice regionale, e quelli del Nord America che hanno sovraperformato il loro indice in 2.2pp, la prima sovraperformance per la regione dal terzo trimestre 2015.

Andrea Scaffidi prosegue: “La diminuzione del volume dei deal in Nord America potrebbe indicare la fine dell’ondata di M&A, ma potrebbe anche riflettere l’incertezza che l’attuale campagna elettorale presidenziale degli Stati Uniti sta creando. L’indagine, condotta a livello periodico, mostra un’evidente correlazione tra gli anni delle elezioni e una sottoperformance del settore M&A, è quanto avvenuto anche nel 2012 e nel 2008. È quindi discutibile se il calo dei volumi sia significativo o solo un riflesso del clima economico corrente nella regione “.

La ricerca mostra anche che le performance di deal domestici, intra-regionali e cross sector sono significativamente aumentate rispetto allo scorso trimestre, con rispettive out-performance del 12,1 pp, 10,6 pp e il 13,9 pp. Dal punto di vista settoriale vi è una sovraperformance nei confronti di tutti i rispettivi indici di settore ad eccezione dell’ Energy & Power e delle telecomunicazioni.

“Per l’M&A è stato un trimestre particolarmente interessante da differenti punti di vista. In una ampia gamma di settori industriali sono state completate con successo differenti operazioni, allontanandosi dalla dipendenza da settori dominanti come quello farmaceutico. I dati mostrano anche un forte nucleo di alte prestazioni M&A in particolare attraverso offerte domestiche, intra-regionali e intersettoriali. E così mentre resta sospeso il giudizio se stiamo o meno assistendo a una fase di declino del mercato, il tema più importante che segnaliamo in questa indagine è la sovraperformance degli acquirer nei confronti degli indici globali, regionali e settoriali. Il prossimo trimestre sarà cruciale; se il volume di deal rimarrà agli stessi livelli vuol dire che avremo superato il punto massimo, ma finché non accade resta la domanda: “L’attività di M&A sta solo registrando una pausa o siamo ai massimi?”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: i nuovi bond governativi e corporate tra vaccini, volatilità e veleni

Npl, Banca Ifis conclude due accordi per 420 mln di euro

Renzi a San Pietroburgo: accordi in vista con la Russia di Putin?

NEWSLETTER
Iscriviti
X