Ceo italiani, fiducia ai massimi livelli

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Marzo 2016 | 13:00

I CEO italiani sono tra i più ottimisti al mondo riguardo alla crescita dell’economia globale e hanno piena fiducia nella crescita di ricavi delle proprie aziende. Ad affermarlo è la 19° Annual Global CEO Survey di PwC che fotografa il livello di fiducia nello sviluppo globale e del proprio business di oltre 1.400 CEO in 83 Paesi. I risultati italiani dell’indagine, presentata in anteprima alla vigilia del World Economic Forum di Davos (Svizzera) di gennaio, sono stati oggi al centro del dibattito cui hanno preso parte a Milano: Nicola Anzivino, Partner PwC, Ezio Bassi, CEO PwC, Andrea Guerra, Executive President Eataly, Raffaele Jerusalmi, CEO Borsa Italiana, Luigi Pugliese, Managing Partner Strategy& ed Enrico Roselli, CEO La Martina.
L’evento ha visto il panel confrontarsi sui principali topic emersi dalla ricerca, sui trend di mercato e sulle strategie che i top manager italiani intendono porre in atto nei prossimi mesi. In Italia i dati registrano un picco di fiducia dagli ultimi 3 anni: il 55% prevede un miglioramento della crescita economica mondiale entro l’anno, il 92% dei CEO crede nell’aumento dei ricavi nel 2016 e le prospettive a tre anni sono ancora migliori, con il 97% dei CEO italiani positivi.
Nicola Anzivino, Partner PwC spiega: “In controtendenza rispetto ai dati emersi a livello globale, i CEO italiani mostrano un crescente livello di fiducia nelle prospettive aziendali, sia a 12 mesi che a 3 anni. All’interno di questa visione, rivestono un ruolo strategico competenze aziendali e tecnologia. Da un lato, oltre un CEO su due è convinto che i migliori talenti preferiscano lavorare in aziende che rispecchiano i propri valori sociali e che tale fattore sia cruciale per attrarre queste risorse. Dall’altro, nove CEO su dieci indicano la tecnologia come il fattore chiave per i prossimi cinque anni, come strumento per gestire la relazione con i clienti ed accelerare il processo d’innovazione”.
“Alla luce della molteplicitià di stakeholders con cui le aziende sono oggi chiamate a relazionarsi, anche il concetto di successo aziendale e la sua comunicazione si evolvono. Oltre il 60% dei CEO italiani afferma che occorre comunicare di più l’innovazione, gli indicatori non finanziari di performance e il purpose e valori aziendali. Inoltre, è significativo che il 50% ritenga chiave comunicare meglio la propria strategia aziendale soprattutto verso i dipendenti e gli stakeholder finanziari”.
I CEO italiani indicano tra i Paesi più attraenti per investire gli USA e la Germania, favorita dal rallentamento delle prospettive di crescita della Cina, che si classifica comunque al terzo posto. La crisi non è ancora alle spalle e nei prossimi 12 mesi si potranno verificare nuove operazioni di ristrutturazione aziendale. Il 63% dei CEO italiani prevede iniziative di riduzione costi anche se in misura minore rispetto allo scorso anno. Il 40% intende avviare una nuova alleanza strategica o joint venture e il 27% ha intenzione di completare una fusione/acquisizione a livello internazionale quale risposta alla pressione competitiva dei concorrenti nazionali ed internazionali.
Per riuscire a sfruttare le crescenti opportunità di business i CEO del nostro Paese evidenziano due elementi prioritari: una forza lavoro (più) competente, istruita ed adattabile (88%), infrastrutture fisiche e digitali adeguate (77%). Il 48% dei CEO prevede infatti di aumentare l’organico nel corso dei prossimi 12 mesi, in leggero calo rispetto all’anno scorso (50%). In Italia, il 37% dei CEO intervistati afferma di voler aumentare il numero dei dipendenti, valore leggermente in aumento rispetto all’anno scorso, probabilmente per effetto del Jobs Act.
Cosa si aspettano dal futuro i CEO italiani? Redditività di medio lungo termine, aspettative dei diversi stakeholder e reporting non finanziario sono i tre temi al centro dell’agenda sia nel breve che a 5 anni. Il 68% dei CEO crede che i migliori talenti preferiscano lavorare in aziende con valori sociali che coincidono con i propri e che tale aspetto debba essere valutato per riuscire ad attrarre le persone in grado di fare la differenza in termini di competenze. In contrasto con i dati globali, per i CEO italiani il Governo e gli altri regulator sono gli stakeholder con il maggiore impatto sulla strategia dell’azienda (73%), i clienti si collocano al secondo posto con il 67% e i concorrenti/partner al terzo posto (63%).
Il business diventa sempre più complesso, cambiano le aspettative degli stakeholder ed è importante avere chiaro il “purpose”, l’obiettivo e i valori della propria azienda. Il 30% dei CEO in Italia ha cambiato il proprio “purpose”, cioè la ragione per cui esiste l’azienda, negli ultimi 3 anni per rispondere alle aspettative degli stakeholder, mentre il 10% prevede di farlo nel prossimo futuro.
Tra le minacce alla crescita del proprio business, emergono l’incertezza geopolitica e l’aumento del carico fiscale. Un sistema fiscale facilmente comprensibile, stabile ed efficace viene citato dall’82% dei CEO italiani come priorità per facilitare la propria attività. L’indagine sottolinea la forza della tecnologia nello spingere al cambiamento e verso una migliore comprensione dei clienti e degli stakeholder nel mondo delle aziende.
Per l’87% dei CEO i progressi tecnologici rappresentano il fattore a maggior impatto nei prossimi 5 anni. La tecnologia serve soprattutto a migliorare l’interazione “intelligente” e “dinamica” con i clienti andando oltre il classico concetto di CRM (Customer Relationship Management). Il fenomeno “big data” e l’enfasi alla R&S&I sono evidenziati come fattori abilitanti per una migliore interazione con gli stakeholder.
L’importanza della tecnologia e dei talenti sono valutate chiave dai CEO intervistati che sottolineano come infrastrutture fisiche e digitali adeguate e sistemi di formazione delle risorse umane debbano essere non solo una priorità per le aziende, ma soprattutto per il Governo italiano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Mps: i fatti e i rumor sull’ad. Standard Ethics migliora il rating

Mercati: cresce l’ottimismo dei CEO italiani

Mercati, Pmi: ecco il primo sondaggio sulle prospettive degli ad

NEWSLETTER
Iscriviti
X