I trend mensili nel mercato europeo degli Etf

A
A
A
di Finanza Operativa 14 Giugno 2016 | 17:00

Il mercato europeo degli ETF ha registrato flussi relativamente limitati a maggio 2016. La raccolta netta di nuovi capitali (NNA) durante il mese si è attestata a 1,7 mld di euro. Da inizio anno la NNA ammonta a 10,6 mld, pari ad appena un terzo dei capitali raccolti nei primi cinque mesi del 2015. Le masse in gestione totali, in rialzo dell’1% rispetto alla fine dello scorso anno, sono a quota 456 mld, compreso il contributo limitato della performance di mercato (0,3%). E’ quanto emerge dall’analisti di Lyxor sui flussi europei degli ETF relativi al mese di maggio, che poi specifica come, nonostante i flussi modesti, gli ETF azionari statunitensi, ETF Smart Beta e gli ETF su obbligazioni societarie europee hanno registrato afflussi consistenti, che riflettono la prudenza degli investitori in un contesto ancora caratterizzato da grande incertezza.

Gli ETF azionari hanno subito deflussi a 1,4 mld euro per il quinto mese consecutivo. Da inizio anno i disinvestimenti che hanno interessato gli ETF azionari ammontano a 5,4 mld. Questi deflussi hanno riguardato soprattutto gli ETF azionari europei, in ragione dell’incertezza tuttora elevata sul tema Brexit e sulle elezioni spagnole. I disinvestimenti dagli ETF azionari europei hanno raggiunto un livello pari a -1,5 mld, per un totale di -7,8 mld da inizio anno. I dati economici negativi continuano a pesare sugli ETF azionari asiatici, che hanno evidenziato deflussi per 772 mln. Per contro, gli omologhi statunitensi hanno continuato a recuperare terreno, attestandosi a 606 mln. Sono proseguiti gli afflussi nei mercati emergenti, seppur a un ritmo più lento, sostenuti dall’attenuarsi delle apprensioni relative alla crescita in Cina e dal rincaro delle commodity. Gli afflussi, che si sono concentrati sugli indici globali, si sono attestati a quota 416 mln, mentre gli ETF legati a singoli paesi hanno registrato ulteriori disinvestimenti. Per quanto riguarda gli Smart Beta, le strategie Minimum Volatility hanno continuato a evidenziare afflussi massicci per 399 mln, in un contesto in cui gli investitori mirano ad attenuare il rischio. Va rilevato che le strategie factor hanno suscitato l’interesse degli investitori con investimenti pari a 251 mln, un record dall’inizio del 2016.

Gli afflussi verso gli ETF a reddito fisso sono rimasti sostenuti a 2,5 mld di euro. Tali investimenti nel reddito fisso hanno riguardato soprattutto gli ETF su obbligazioni societarie investment grade (1,6 mld). Il segmento IG europeo ha continuato a beneficiare dell’annuncio degli acquisti di asset da parte della BCE a partire da giugno. I deflussi dai titoli di Stato dei mercati sviluppati si sono arrestati a maggio, in ragione del lieve attenuarsi dei timori legati alla Brexit. Le emissioni sovrane USA, da parte loro, hanno registrato afflussi pari a 165 mln. Gli investimenti verso gli ETF sui titoli di Stato dei mercati emergenti sono proseguiti (343 mln), beneficiando ancora di un interessante incremento dei rendimenti. Vale la pena di ricordare che continuano gli afflussi verso gli ETF su obbligazioni indicizzate all’inflazione (283 mln), principalmente su ETF statunitensi, in conseguenza delle crescenti aspettative d’inflazione oltreoceano.

È proseguito il trend positivo dei flussi relativi alle materie prime, che hanno raggiunto un record annuo a 569 mln di euro sia verso gli indici globali che gli ETF su metalli preziosi, sulla scia dell’andamento dei prezzi delle commodity in continuo miglioramento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: quando il carbonio fa bene al portafoglio

Investimenti: Goldman Sachs cambia idea sulle criptovalute

Asset allocation, ciò che fa bene e ciò che fa male al portafoglio da inizio anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X