S&P500 verso nuovi massimi relativi. Wall Street è diventata un safe haven

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 11 Luglio 2016 | 14:00

Nonostante ciò che sta accadendo nel Vecchio Continente, con una volatilità inferiore a quella degli altri principali panieri azionari mondiali, l’indice S&P500 ha oltrepassato a 2.120 punti la resistenza statica di medio termine dopo aver disegnato uno stretto quanto rapido movimento a “V” a seguito del ritorno dei corsi al di sotto della soglia dei 2.000 punti a fine giugno. Una dinamica, quella attualmente seguita dal paniere americano, che ha buone chance tecniche per proseguire e spingere (in ottica di breve termine) l’indice verso nuovi massimi relativi, a quota 2.150 in prima battuta e, successivamente, nell’area compresa tra i 2.175 e i 2.200 punti. Dopodiché, probabilmente, si assisterà a una salutare pausa di consolidamento dei corsi prima di un eventuale loro ulteriore allungo verso 2.300/2.350.

Negativo, per contro l’eventuale ritorno dell’S&P500 al di sotto dei 2.120 punti, livello che diventa quindi lo stop loss da adottare, sempre in ottica di breve periodo. Una eventualità che, comunque, non farebbe venire meno la caratteristica ormai di “bene rifugio” (safe haven) di Wall Street.    Gianluigi Raimondi

Clicca sul grafico per ingrandirlo

S&P500

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Immobiliare bene rifugio contro il Covid: ecco dove si investe

L’oro cede al dollaro lo scettro di bene rifugio?

E’ il momento giusto per investire sull’oro?

NEWSLETTER
Iscriviti
X