Europa: cautela in attesa del referendum inglese

A
A
A
di Finanza Operativa 14 Giugno 2016 | 16:30

A cura di Anima Sgr
Sulle Borse europee il giudizio viene rinnovato neutrale, attendendo nel breve termine uno scenario di volatilità ed incertezza in vista innanzitutto del referendum del prossimo 23 giugno, ma anche delle elezioni politiche in Spagna che si terranno poco dopo, il 26 giugno. Inoltre le tensioni generate dai flussi migratori dal Medio Oriente potrebbero  mettere a rischio il patto di Schengen (evento che potrebbe portare ad una contrazione del Pil europeo), a causa dell’affermazione di partiti antieuropeisti e antimigranti: in questo senso ne è stato un esempio il nervosismo dopo l’esito delle recenti elezioni regionali tedesche (marzo 2016) e delle elezioni presidenziali austriache (24 Aprile 2016).
Ma quali sono le probabilità di una Brexit? Al 3 giugno, la media dei sondaggi calcolata da Bloomberg indica i favorevoli alla permanenza nell’UE al al 47% e i contrari al 44%, con un 9% di indecisi. Il distacco è limitato e sul risultato finale potrebbero pesare anche fattori teoricamente secondari, come il meteo: un tempo sereno potrebbe
disincentivare dal voto i più giovani, che sono anche i più europeisti, secondo gli esperti.
Le previsioni delle case di ricerca sono in ogni caso più spostate verso il “SÌ” (restare nella UE): secondo Bloomberg, Société Generale, Morgan Stanley e Citigroup assegnano all’uscita una probabilità del 45%, 35% e 30-40%  rispettivamente. Considerato che nei sondaggi generali lo scarto non è abbastanza ampio da escludere una vittoria del “NO” e che i livelli odierni dei mercati finanziari non riflettono i rischi di un’uscita del Regno Unito (sia il FTSE100 sia l’Euro Stoxx 50 sono intorno ai livelli del 20 febbra¬io, il giorno dell’annuncio del Referendum, mentre la sterlina si è solo temporaneamente  indebolita, gli investitori si trovano di fronte a uno scomodo scenario binario.
Quali i possibili impatti sui mercati?  A brevissimo termine, la Brexit (voto “NO”) potrebbe produrre, secondo BofA Merrill Lynch, un calo del 15% sui mercati azionari europei (UK incluso), un indebolimento del 10% della sterlina  nei confronti del dollaro e un allargamento di 50 punti base degli spread dei titoli obbligazionari britannici. Di  misura diversa ma dello stesso segno le variazioni attese a sei mesi dalla banca d’affari americana. Il “SÌ” al referendum viceversa avrebbe un impatto positivo sia sulle azioni (+6%), sia sugli spread dei titoli corporate (-20 punti base), sia sulla sterlina (leggero rafforzamento contro dollaro).
Riteniamo che lo scenario più probabile sia il “SÌ” (rimanere nella UE) e quindi che l’eventuale volatilità delle prossime settimane possa offrire delle opportunità di investimento. Accanto allo scenario di una possibile Brexit, va detto che sussistono comunque elementi che potrebbero favorire un rialzo dei mercati, a partire da un possibile e ulteriore restringimento degli spread, che a sua volta potrebbe innescare una rinnovata ricerca di extra rendimento, riportando ulteriori flussi sull’high yield e sul mercato azionario.
Guardando ai fondamentali, invece, dopo alcuni trimestri di revisione negativa di crescita degli utili europei, non è da escludere che questo trend si inverta, favorito da un miglioramento del quadro macro. Restiamo del resto ancora positivi sulla congiuntura economica in Europa (il trend sui finanziamenti alle imprese ed ai privati sono in continuo miglioramento). Infine, anche la Cina potrebbe essere fonte di sorprese, soprattutto se il recupero innescato dalle politiche monetarie e fiscali espansive proseguisse nel tempo. Nei portafogli dei fondi azionari europei abbiamo una visione positiva sul settore delle telecomunicazioni, healthcare e consumi di base, negativa invece sui titoli finanziari e su quelli tecnologici.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, crolla l’export del Regno Unito verso l’Europa

Intesa, il private britannico alle grandi manovre

Mercati, Forex: Sterlina in crisi e non solo per colpa della Brexit

NEWSLETTER
Iscriviti
X