Stati Uniti leader mondiali per spesa in R&D

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Giugno 2016 | 17:00

A cura di Claudia Huntington, Gestore di portafoglio di Capital Group
Gli Stati Uniti, che sono già leader mondiali per quanto riguarda la spesa in ricerca e sviluppo, dovrebbero aumentare tale voce del 3,4% raggiungendo quota USD 514 miliardi nel 2016. Si tratterebbe del 2,8% circa del prodotto interno lordo nazionale. Anche se la spesa in R&D non è l’unico indicatore della performance che possiamo attenderci da un paese o un settore, la creazione di nuovi prodotti, processi e tecnologie è uno dei fattori più importanti. Il fatto, le attività di ricerca e sviluppo possono essere uno dei volani della crescita economica e del successo delle imprese.
Il governo federale e le istituzioni accademiche spendono somme considerevoli in R&D, ma sono le industrie a dare il contributo di gran lunga maggiore, con una spesa di circa USD 357 miliardi, approssimativamente pari al 70% del totale nazionale. Molte delle società che investono di più in R&D negli Stati Uniti operano nel settore tecnologico e tra queste si annoverano Intel, Google e Microsoft. Nel comparto automobilistico,
Ford e General Motors hanno speso circa USD 7 miliardi ciascuna nel 2015, in gran parte per attività di ricerca e sviluppo incentrate sulle auto a propulsione elettrica. Anche le case farmaceutiche investono molto in R&D.
A livello mondiale, si prevede una spesa pari a USD 1.950 miliardi nel 2016, in aumento rispetto ai USD 1.800 del 2014. Anche se gli Stati Uniti si collocano al primo posto per somme investite, gran parte della crescita degli investimenti in R&D è trainata dalla spesa che viene effettuata in Asia, soprattutto in Cina. Il Paese del Dragone è il secondo a livello mondiale per investimenti in R&D con una spesa prevista di USD 396 miliardi nel 2016. I paesi asiatici (compresi Cina, Giappone, India e Corea del Sud) oggi rappresentano oltre il 40% di tutti gli investimenti globali in ricerca e sviluppo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X