Portafoglio Italia, il “PPP” segna +0,82%

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Aprile 2016 | 12:30

A quasi quattro mesi dall’inizio dell’anno la discesa del Ftse Mib rimane pronunciata: -13% circa. A pesare, ovviamente, soprattutto il settore bancario. Comparto invece quasi assente dal nostro Portafoglio Italia 2016 costruito con la metodologia dei “Dogs of the Dow” del gestore hedge Michael O’Higgins: quella degli alti dividendi. E infatti i nostri panieri, seppure due su tre anch’essi in rosso, possono contare su perdite minime: il Portafoglio PPP (che contiene un solo titolo, Enel) segna un +0,82%, quello dei “10 dogs” è in calo del 4% circa e quello dei “5 dogs” del 4,18 per cento. Insomma, perdite pari a un terzo, nel caso peggiore, rispetto a quelle del benchmark di riferimento. Con un +9% Tenaris è in testa alla classifica di performance e scalza Snam che si mantiene  a +8,6%, seguito da Eni (+3,4%) e da Terna (+1,5%). La scorsa settimana Banca Mediolanum ha staccato il dividendo, ma la vera stagione delle cedole inizierà a maggio. Qui il file excel con tutti i dati di performance e di stacco dividendi. Di seguito l’elenco dei 10 titoli: Unipolsai, Enel, Terna, Unipol Gf, Snam, StM, Banca Mediolanum, Tenaris, EniGeneraliM.M.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, Standard Ethics migliora l’outlook e conferma il rating

Banca Mediolanum: la raccolta supera i 6,4 mld da inizio anno

Banche, Flowe (gruppo Mediolanum) si accorda con Mooney

NEWSLETTER
Iscriviti
X