RC auto e moto: i trend del 1° semestre 2016

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 19 Luglio 2016 | 13:30

Secondo i dati elaborati da Segugio.it il primo semestre 2016 si chiude con un incremento della percentuale di polizze richieste per l’acquisto di auto nuove e usate.
Rispetto al primo semestre 2015 la percentuale di polizze richieste per l’acquisto di auto nuove cresce dal 6,8% al 7,7% e quella per l’acquisto di auto usate dal 17,2% al 17,6%. Il fenomeno è correlato all’andamento positivo del mercato auto, il semestre appena concluso è infatti il miglior primo semestre per numero di immatricolazioni dal 2011.

Nei primi sei mesi del 2016 è continuato il trend relativo alla diminuzione del best price Rc, in continuo calo dal 2011, raggiungendo il minimo storico registrato su Segugio.it. Infatti, rispetto al primo semestre del 2015, il best price RC è diminuito del 9,7% e del 32,1% rispetto al secondo semestre 2011.
La tariffa media RC diminuisce dopo l’aumento registrato nel corso del 2015 e risulta in calo del 7,4% rispetto al primo semestre 2015. Il risparmio medio conseguibile tramite la comparazione è pari al 43,5% della tariffa media RC. Il 18,4% degli utenti può risparmiare oltre il 50% sulla sola RC.

Inoltre, sono risultate sempre più diffuse le auto ecologiche con la percentuale sull’intero parco auto che arriva all’ 8%, il valore più alto mai registrato su Segugio.it dal 2009.

Invece la percentuale di polizze richieste per l’acquisto di moto nuove e usate si mantiene pressoché invariata rispetto al primo semestre 2015. In dettaglio, nel semestre appena concluso il 9,4% delle polizze è stato richiesto per l’acquisto di moto nuove (il miglior dato di sempre su Segugio.it) e il 31,4% per l’acquisto di moto usate.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Auto, ecco come crescerà la domanda mondiale

Frena il settore auto soffre. Ma la ripresa sarà pronta

Il settore auto accelera. I target e gli Etf sull’EuroStoxx settoriale

NEWSLETTER
Iscriviti
X