Il referendum sulla Brexit domina i flussi sugli Etp

A
A
A
di Finanza Operativa 23 Giugno 2016 | 10:00

A cura di Etf Securities

La scorsa settimana ha visto gli investitori continuare ad acquistare beni rifugio con gli afflussi sui metalli preziosi pari a 111 milioni di dollari americani. Gli afflussi da inizio anno sui metalli preziosi hanno totalizzato 2,5 miliardi di dollari americani, chiudendo vicino al livello più alto registrato in un periodo di sei mesi, con 2,8 miliardi di dollari americani, osservato nel mese di ottobre 2012, quando il prezzo dell’oro aveva toccato i 1900 dollari all’oncia, spinto dalle preoccupazioni sul quantitative easing e la crisi greca. Questa volta, vediamo le preoccupazioni degli investitori per il rischio del referendum del Regno Unito e la  sua potenziale uscita dall’UE destabilizzare l’economia globale, e le elezioni americane e la politica monetaria eccessivamente dovish della Federal Reserve sostenere il prezzo dell’oro. Abbiamo registrato afflussi su tutta la linea dei metalli preziosi, oro, argento, platino e palladio, pari a 73 milioni di dollari americani, 17 milioni di dollari americani, 15 milioni di dollari americani e 1 milione di dollari americani rispettivamente, mentre alcuni investitori hanno venduto le loro posizioni short sull’argento. Gli investimenti nei beni rifugio hanno anche visto deflussi sugli ETP dai metalli industriali. Mentre i flussi sul palladio sono stati relativamente bassi, la tendenza ora sembra aver invertito la rotta dopo anni di flussi in uscita. La nostra ricerca mette in evidenza il palladio che è stato in deficit di approvvigionamento per gli ultimi quattro anni, commerciato ben al di sotto del costo marginale ed è un beneficiario chiave della normativa EU6 sui controlli delle emissioni auto.

Il long crude oil ha visto una raccolta per la prima volta dopo nove settimane consecutive di deflussi. Durante queste nove settimane, gli investitori hanno venduto posizioni lunghe e acquistato posizioni corte attraverso l’intero settore energetico con l’eccezione del petrolio per il riscaldamento. Vediamo tutto questo più come una presa di profitto e avversione al rischio piuttosto che una visione ribassista strutturale adottata dagli investitori con le posizioni corte che sono state relativamente molto più esigue. Vediamo il fair value del Brent di 55 dollari americani al barile a fine anno, che riflette il 75 ° percentile della curva dei costi di produzione del greggio, dove si verificano le risposte della domanda di fornitura.

Nel comparto delle valute i più grandi movimenti sono stati negli ETP sulla Sterlina, con gli ETP short sulla sterlina che sono passati da 58 milioni di inizio anno al picco di 117 milioni di oggi. Ciò segue un modello molto simile osservato durante il referendum scozzese dove i flussi hanno raggiunto un picco a 124 milioni di dollari americani. È interessante notare che, a causa del recente sell-off sulla sterlina contro una vasta gamma di valute, alcuni investitori hanno iniziato l’acquisto di posizioni lunghe sulla sterlina, con gli afflussi sugli ETP lunghi sulla sterlina che hanno quasi eguagliato gli afflussi verso gli ETP corti sulla sterlina nel corso dell’ultima settimana.

Flussi Etp

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti