E Brexit fu. Il terremoto è già iniziato. Oro e franco svizzero in controtendenza

A
A
A
di Finanza Operativa 24 Giugno 2016 | 09:00

E Brexit fu. Nonostante i moltissimi avvertimenti arrivati da ogni dove in merito ai rischi ai quali, così facendo, va incontro il Regno Unito. Intanto, a pagarne le spese, è tutta l’Europa. Anzi, il mondo intero, vista la chiusura dell’indice Nikkei 225 a -7,9%, il petrolio Wti in caduta del 5% circa e il future sull’S&P 500 in discesa al momento del 4,6 per cento.

Il terromoto sta poi scuotendo anche il cambio euro/dollaro, in caduta del 2,7%, ovviamente la sterna (in discesa di quasi il 6% rispetto all’euro e dell’8% sul dollaro. In Italia poi lo spread Btp/Bund è balzato a oltre 170 punti.

Cosa va in controntendenza? Facile intuirlo: l’oro, in ascesa di oltre il 5% e il franco svizzero, dalito di quasi l’1% nel cambio con la moneta unica.     G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, dopo la Brexit arriva il “Big Bang”

Mercati, crolla l’export del Regno Unito verso l’Europa

Intesa, il private britannico alle grandi manovre

NEWSLETTER
Iscriviti
X