Opinioni a confronto dopo il meeting della Bce

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Luglio 2016 | 17:00

Anthony Doyle, Investment Director, Retail Fixed Interest di M&G Investments. Sembra che, in modo analogo alla Bank of England, anche la BCE sia in una fase wait and see al fine di valutare l’effettivo impatto della decisione del Regno Unito di uscire dall’Unione Europea. Negli ultimi due anni, l’economia dell’Eurozona ha avviato una lenta, ma continua ripresa, ma guardando in prospettiva sembra che ci possano essere dei rischi concreti per la ripartenza della crescita economica. L’incertezza sulla Brexit sarà sicuramente d’intralcio all’Europa, così come un aumento del prezzo del petrolio e i maggiori rischi geopolitici. Inoltre, la BCE guarderà attentamente la ripresa del credito da parte delle banche per determinare se le tensioni nel settore bancario stanno avendo un impatto negativo sulla loro attività di finanziamento a privati e imprese.

Con un’inflazione che rimarrà probabilmente bassa in Europa per tutto l’anno e probabilmente anche il successivo, ci aspettiamo che la BCE faccia qualche ulteriore annuncio a settembre rispetto alla possibilità di allungare la durata del Programma ampliato di acquisto degli asset (PAA) e rispetto a cambiamenti nei parametri del programma stesso, tra cui la rimozione del floor minimo nei rendimenti, la revisione della chiave capitale, l’aumento della soglia del 33% nella partecipazione delle emissioni, e l’acquisto di debito con scadenza più lunghe dei trent’anni.

Ciò consentirebbe alla BCE di assicurare che ci sia un numero sufficiente di titoli ‘ammissibili’ al programma di acquisto degli asset: infatti, l’universo investibile stanti gli attuali parametri sta drammaticamente diminuendo a causa del crollo dei rendimenti dei titoli di Stato a livelli vicini o al di sotto del tasso di deposito della BCE del -0.4%. Allo stesso modo, è improbabile un taglio del tasso di deposito, dato che ciò potrebbe avere un impatto sulla profittabilità delle banche in un momento in cui gli istituti finanziari sono già sotto pressione.

Istituzioni come l’OCSE e il Fondo Monetario Internazionale hanno asserito che gli Stati all’interno dell’Eurozona dovrebbero contribuire a migliorare il quadro di crescita attraverso riforme delle politiche fiscali. La Germania è indubbiamente meglio posizionata per imbarcarsi in un questo tipo di politiche sia per la loro posizione di bilancio, sia perché maggiori investimenti pubblici in Germania non solo stimolerebbero la domanda interna nel breve periodo, ma aumenterebbero anche la produzione interna nel lungo termine, generando surplus nell’area euro. Tuttavia, la Germania già beneficia di questa politica monetaria ultra accomodante e dell’euro debole, per cui è improbabile che persegua politiche di stimolo fiscale.

Inoltre, all’interno della Germania c’è la preoccupazione che saranno i tedeschi a sussidiare inevitabilmente i Paesi dell’Europa periferica. Se oggi la Germania spingesse l’acceleratore sugli investimenti pubblici e iniziasse ad aumentare il deficit, non potrebbe più avere l’autorità (morale) per chiedere disciplina di bilancio ai Paesi dell’Europa periferica. Il tipo di interventi coordinati di cui necessita l’Europa – una combinazione di stimoli fiscali e politiche monetarie – sembra fuori portata. Senza uno sforzo congiunto e coordinato dei governanti europei, è difficile immaginare come l’Eurozona garantirà standard di vita più alti nel lungo termine ai suoi 340 milioni cittadini.

Tim Graf, Responsabile Macro Strategy per l’Europa di State Street Global Markets. Come ci aspettavamo, la BCE mantiene le sue attuali scelte di politica monetaria. Tuttavia siamo un po’ sorpresi dell’approccio relativamente ottimistico circa gli eventi attuali e il loro impatto sull’inflazione e sulle aspettative di inflazione. Mentre riteniamo che, per adesso, resteranno fermi su importanti innovazioni, man a mano che vengono attuati programmi precedentemente annunciati, sospettiamo che la necessità di un allentamento della politica monetaria possa emergere più avanti nel corso dell’anno.

David Furey, Portfolio Strategist, Fixed Income, Cash & Currency di State Street Global Advisors: L’incertezza determinata dall’impatto del risultato del referendum è più sul grado che sulla direzione, ed è quindi sorprendente che ciò non si rifletta in una visione al ribasso dei rischi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Oro, quanta influenza avrà la Fed?

NEWSLETTER
Iscriviti
X