Nuovi recuperi in vista per Piazza Affari. I titoli da cavalcare

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Agosto 2016 | 12:00

Intervista di Davide Pantaleo (TrendOnline) a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com del 5 agosto 2016

L’indice Ftse Mib almeno per il momento si è mantenuto al di sopra dei 16.000 punti. Ritiene sia sta già raggiunto un livello da cui ripartire verso l’alto?

A mio parere il test in area 16.000 del supporto dinamico ascendente di breve-medio periodo sta favorendo questo rimbalzo del Ftse Mib . La mia idea è che il recupero in atto possa proseguire nel breve e in quest’oggi i prossimi target li possiamo individuare a 16.525 punti prima, dove transita la media mobile a 21 periodi e in seguito a 16.755 punti dove passa la media mobile a 50 periodi. Oltre i livelli appena citati si potrà tornare a guardare all’area dei 17.000 punti, dove passa la trendline discendente di medio termine che è quella che si ottiene unendo i massimi di fine aprile e della terza settimana di giugno.
Personalmente mi aspetto un recupero del Ftse Mib e a chi volesse acquistare ora suggerire di fissare uno stop loss su rottura dei 16.000 punti.

Nel settore bancario qual è il suo giudizio sui due big Unicredit e Intesa Sanpaolo? Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?

Unicredit si trova sempre in prossimità del supporto statico a 1,72 euro malgrado il recupero odierno. Il trend di fondo resta indubbiamente impostato al ribasso e potremmo assistere ad una credibile inversione di tendenza solo con la conferma del superamento di quota 2,24 euro, dove transita la trendline discendente e di medio termine e dove passa inoltre la media mobile a 50 giorni.  Oltre i 2,24 euro avremo un primo obiettivo a 2,5 euro e un target successivo a 2,67 euro, superati i quali si potrà guardare ai 3,15 euro. A chi volesse acquistare il titolo suggerisco di fissare uno stop loss molto rigido sotto quota 1,72 euro.

Intesa Sanpaolo lo vedo un po’ peggio di Unicredit questa volta, perchè in primis il titolo ha violato il supporto a 1,79 euro e in seguito ha incrociato al ribasso a 1,78 euro la media mobile a 21 sedute.
In caso di ritorni su questi livelli Intesa Sanpaolo potrebbe scivolare verso 1,685 euro e successivamente al di sotto di 1,6 euro, con target ultimo a 1,468 euro, corrispondente al minimo di luglio. Solo un’eventuale conferma del ritorno dei corsi sopra quota 1,95 euro potrebbe favorire una credibile inversione rialzista con obiettivi a 2,12 e a 2,24 euro. Personalmente però sono scettico su questo recupero e al momento vedo tecnicamente impostato meglio Unicredit che era sceso molto più di Intesa Sanpaolo.

STM ha ripreso con decisione la via dei guadagni e si sta riportando al di sopra dei 6,5 euro. E’ troppo tardi per acquistare il titolo ora?

Non vorrei che dal punto di vista tecnico il titolo possa formare un’isola rialzista, figura che solitamente preannuncia un ribasso. Se ciò venisse confermato si assisterebbe per STM alla ricopertura del gap rialzista lasciato aperto a 5,89 euro lo scorso 27 luglio. In ottica di brevissimo termine STM potrebbe allungare il passo verso il massimo della suddetta isola in area 6,64 euro, ma in caso di mancato superamento di questo livello e in caso di ritracciamento, si assisterà alla ricopertura del gap rialzista di cui parlavo prima.

Fca oggi sta cedendo il passo ad alcune prese di profitto dopo il forte rialzo della vigilia. C?è ancora spazio al rialzo per il titolo?

Fca oggi sta registrando delle fisiologiche prese di beneficio, peraltro contenute, dopo il rally della vigilia. Il titolo tecnicamente ha generato un bel segnale rialzista perchè ha incrociato le media mobile a 21 e a 50 giorni che coincidono in area 5,9 euro.
I prossimi obiettivi al rialzo sono a 6,61 euro e poi oltre la soglia dei 7 euro, avendo cura di fissare uno stop loss a 5,7 euro in caso di apertura di nuove posizioni long.

Poste Italiane continua a guadagnare terreno dopo la diffusione dei conti societari. Valuterebbe un acquisto del titolo sui livelli correnti?

Poste Italiane sta generando qualche segnale positivo e dopo essere rimbalzato da 6,1 euro, a 6,15 euro ha incrociato al rialzo la media mobile a 21 giorni e ora si trovano a ridosso della trendline discendente di medio periodo a 6,25 euro. Oltre questo livello il titolo potrebbe allungare il passo verso la resistenza statica in area 6,4 euro e in seguito proseguire nel rialzo e chiudere il gap ribassista lasciato aperto a 6,535 euro lo scorso 23 giugno.
Più in avanti nel tempo vedo un target in area 6,8/6,85 euro, avendo cura di fissare uno stop loss a quota 6 euro in caso di apertura di posizioni long.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 future tentano un rimbalzo

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 future alla ricerca di un valido supporto

Borse internazionali: il punto tecnico di Alessandro Aldrovandi

NEWSLETTER
Iscriviti
X