Oro, occhi puntati sul Fomc

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 12 Ottobre 2016 | 17:30

A cura di Névine Pollini,  Senior equity analyst di Ubp

Il 4 ottobre, in seguito ai commenti da falco del governatore della Fed di Richmond, Jeff Lacker, che ha osservato che i tassi d’interesse dovrebbero iniziare a essere rialzati entro la fine dell’anno, l’oro è calato di oltre il 3%, scivolando al di sotto del livello dei 1.300 dollari per oncia. Questa dichiarazione ha infatti causato un’impennata del dollaro e dei rendimenti obbligazionari statunitensi. Inoltre, un report di Bloomberg ha suggerito che la Bce stesse considerando di ridimensionare il suo programma mensile di acquisto titoli da 80 miliardi di euro e di anticiparne la fine rispetto a quanto atteso. Originariamente, il programma sarebbe dovuto finire a marzo 2017.

Anche se rimaniamo molto cauti sull’oro, riteniamo per varie ragioni che il metallo prezioso sia pronto a toccare il fondo per poi risalire. Per un po’ abbiamo creduto che la Federal Reserve ritenesse fosse giunto il momento per un rialzo dei tassi – pertanto l’elemento sorpresa sarebbe diminuito fino al momento del rialzo, nella riunione del FOMC del 14 dicembre, in quanto i mercati stanno prezzando adesso una probabilità del 67,6% che ciò accada. Inoltre, tale normalizzazione probabilmente sarà molto graduale e potrebbe addirittura mancare le aspettative di mercato qualora i dati macro statunitensi si rivelassero deludenti nei prossimi mesi. Inoltre, l’inflazione core è ancora al di sotto del target della Fed del 2%, anche se sappiamo che potrebbe iniziare a salire in maniera contenuta in seguito, tra gli altri fattori, a prezzi del petrolio e a costi del lavoro più elevati.

Quanto all’Europa, sarebbe piuttosto sorprendente se la Bce decidesse di alterare il proprio programma di politica monetaria tanto rapidamente, poiché l’inflazione dell’Eurozona è debole e la crescita è ancora fragile. Vale inoltre la pena notare che il calo dell’oro è stato amplificato dalla mancanza di supporto in termini di acquisti da parte dei mercati cinesi (quello retail e la PBoC), che non sono stati in grado di reagire, rimanendo chiusi per la settimana d’oro. Tuttavia, nonostante ciò, quest’anno non abbiamo visto molto supporto finora dalla domanda fisica in Asia (che è molto price-sensitive), anche se questo è stato un periodo che dovrebbe aver aiutato a sostenere il prezzo dell’oro: l’India è all’inizio della stagione delle festività e dei matrimoni mentre la Cina, solitamente, inizia a fare rifornimento in vista del nuovo anno lunare. Il recente taglio dei tassi da parte della banca centrale indiana (Reserve Bank of India – RBI) e il conseguente impatto sulla rupia di sicuro non aiuteranno il consumo al dettaglio nei prossimi mesi.

Tuttavia, non stiamo escludendo la possibilità che i lingotti ricevano una spinta dai risultati del referendum in Italia previsto per il 4 dicembre, in quanto un esito contrario alle riforme proposte da Renzi potrebbe dare vita a delle turbolenze politiche nell’Eurozona. Anche le preoccupazioni legate ai negoziati sulla Brexit potrebbero sostenere il prezzo dell’oro, specialmente da quando il primo ministro Theresa May ha annunciato di recente che i negoziati formali inizieranno a marzo 2017. Infine, un altro fattore che avrà un impatto sull’oro sarà l’esito delle elezioni presidenziali statunitensiuna vittoria di Trump darebbe una spinta al metallo giallo, considerate le visioni protezionistiche e isolazionistiche del candidato repubblicano. E’ per questo motivo che la domanda di investimenti sull’oro attraverso gli ETF (solitamente considerati un guadagno facile) è rimasta sorprendentemente stabile, lasciando elevato il totale delle posizioni di ETF sull’oro, a 65,79 milioni di once.

Per il momento, uno dei fattori che potrebbe far cambiare la nostra view cauta ma più costruttiva sull’oro potrebbe essere se la Fed non rialzasse affatto i tassi quest’anno in seguito a dati macro deludenti. Ad ora, però, malgrado i dati non esaltanti ma comunque sani sull’occupazione rilasciati venerdì scorso, le attese circa un’azione della Fed entro la fine dell’anno restano intatte; tutti gli occhi ora sono puntati sul rilascio in serata delle minute della riunione del FOMC di fine settembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: l’euro conferma le aspettative rialziste contro dollaro

Investimenti, dagli emergenti più fiducia in un boom economico globale

Mercati, la Fed sacrifica la Borsa per cercare di salvare il dollaro

NEWSLETTER
Iscriviti
X