Quando politica e politiche si scontrano…

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Ottobre 2016 | 15:30

A cura di Stephanie Kelly, economista politico di Standard Life Investments 
Il rischio politico comporta implicazioni significative per la crescita economica e per il sentiment del mercato. Pur essendo tradizionalmente associato ai mercati emergenti, con la crisi finanziaria globale questo tipo di rischio è diventato sempre più frequente anche nei mercati sviluppati. Standard Life Investments ha quindi impostato un processo proprietario per l’analisi del rischio politico, con l’obiettivo di comprendere come questi rischi contribuiscano a generare incertezza e, potenzialmente, a ridurre la crescita economica.
Ancor prima di identificare i fattori specifici che costituiscono un rischio per gli investimenti, il nostro sistema categorizza i rischi come istituzionali o ciclici. Abbiamo quindi isolato tre fattori che possono amplificare i rischi legati agli eventi ciclici che generalmente caratterizzano i mercati sviluppati, come le elezioni:

  • Populismo – maggiore propensione verso partiti e politiche contro l’establishment;
  • Frammentazione – il cambiamento dei sistemi politici, come il passaggio dal bipartitismo a un sistema pluralista, come avvenuto in Spagna;
  • Polarizzazione – un irrigidimento delle divisioni ideologiche tra partiti ed elettorati, come accaduto negli USA.

Questi tre fattori contribuiscono a una maggiore incertezza e il rischio di scosse di assestamento a seguito di eventi politici nei mercati sviluppati. Analizzando il modo in cui la politica e le relative politiche si intrecciano, diventa possibile valutarne i probabili effetti sugli investimenti.
Stephanie Kelly, economista politico di Standard Life Investments, ha commentato: “Il nostro approccio si basa sulla considerazione che l’incertezza è uno dei principali meccanismi attraverso cui il rischio politico si trasmette agli investimenti. La teoria suggerisce che l’incertezza politica è in grado di ridurre le prospettive di crescita di un’economia, poiché gli investimenti delle imprese rallentano e i consumatori posticipano l’acquisto di beni costosi.
Durante la nostra analisi del rischio politico, abbiamo valutato gli impatti su una serie di importanti fattori economici e di mercato. I risultati indicano che choc legati all’incertezza politica sono di solito associati a una minore crescita del Pil, oltre a una pressione verso il basso sui mercati azionari nazionali e sulle previsioni legate ai tassi di interesse.
Dato che l’incertezza politica esercita un effetto tangibile sugli indicatori economici e di mercato nei mercati sviluppati, riteniamo cruciale comprendere a fondo le dinamiche e le strutture che la determinano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

State attenti alle banche centrali

Global Horizons: come prevedere la prossima recessione?

Banche Centrali: fine dell’emergenza, non fine del ciclo

NEWSLETTER
Iscriviti
X