Fondi, l’esperienza del gestore e i rendimenti non vanno sempre a pari passo

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Ottobre 2016 | 14:00

Una nuova ricerca dimostra che l’esperienza del gestore di fondi non produce necessariamente un miglior rendimento. Lo studio è stato condotto dalla Cass Business School e finanziato dal Banco Inversis.

Se da un lato molti studi accademici si concentrano sul rendimento dei fondi gestiti attivamente, “The performance of long-serving fund managers” si focalizza, invece, sul rendimento dei gestori di fondi. Lo studio ha esaminato il rendimento di un campione di 360 singoli gestori di fondi statunitensi che avevano tutti gestito lo stesso fondo per almeno dieci anni. 

Dallo studio è emerso che il rendimento medio ponderato per rischio, al netto dei costi, di questi gestori nel corso dei dieci anni del nostro campione era allettante paragonato a valori simili calcolati per campioni più ampi della popolazione di gestori. Tuttavia, lo studio ha concluso che questo risultato è probabilmente un riflesso dell’errore di sopravvivenza, dato che ha trovato poche prove della persistenza di rendimento da un anno all’altro tra questi gestori e prove che indicano che il rendimento ponderato per rischio di questi gestori esperti sia in realtà diminuito nel periodo campione di studio di dieci anni, vale a dire un calo del rendimento con l’aumentare dell’esperienza!  

Ma per questi investitori che preferirebbero comunque investire in un gestore di fondi esperto, lo studio ha anche dimostrato alcuni aspetti chiave relativi al rendimento positivo ponderato per rischio di gestori esperti, come i costi di fondi relativamente bassi, più portafogli concentrati e una tendenza di stile di investimento small cap.

Andrew Clare, Professore di Gestione Patrimoniale alla Cass Business School, spiega:”Questa relazione affronta un mito di vecchia data. Finora, il detto “Non c’è alternativa all’esperienza” è rimasto incontrastato nel mondo dell’asset management. Con questa analisi possiamo affermare che questo non è effettivamente il caso”.  

Guendalina Bolis, Responsabile del gruppo di ricerca e gestione fondi presso Banco Inversis e Presidente del Comitato Consultivo Internazionale, sottolinea poi: “Inversis mira ad aiutare i professionisti dell’industria con semplici strumenti per il processo decisionale nella selezione dei fondi di investimento e i non professionisti (investitori privati e pubblico in generale). Questa relazione è un contributo chiave al settore e al relativo studio, dal momento che amplia la conoscenza del fattore di gestione che non sempre viene contemplato. Crediamo che il settore possa essere oggetto di ulteriori analisi da diverse prospettive, al di là della redditività dei prodotti, di cui questo studio è una prima fase”.  

È possibile scaricare lo studio completo cliccando qui

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: oro più brillante con i tassi reali negativi

Investimenti: argento sempre vivo

Mercati: le correlazioni sorprendenti di Wall Street

NEWSLETTER
Iscriviti
X