La sfida dei tassi a zero, la soluzione high yield

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Dicembre 2016 | 14:30

a cura di Bernard Lalière, gestore del fondo Petercam L Bonds EUR Corporate High Yield fund
 L’obbligazionario corporate europeo high yield può rappresentare un investimento intelligente per investitori alla ricerca di maggiori rendimenti evitando rischi eccessivi, in un momento in cui i tassi governativi bassi, o negativi, stanno mettendo a rischio gli obiettivi di rendimento a lungo termine. Nel difficile contesto attuale, vi sono 5 fattori chiave che suggeriscono come questa sia un’asset class a cui guardare.

  1. Basso tasso di insolvenza: secondo le principali agenzie di rating, i tassi di insolvenza rimarranno bassi per tutto il 2017. Moody’s, per esempio, stima un tasso di insolvenza del 2,1%, sostanzialmente in linea con l’attuale livello.
  2. Valutazione: l’asset class ha registrato importanti rialzi nei mesi recenti. Tuttavia, le valutazioni non sono così elevate come nel 2007, prima della crisi finanziaria, e il rischio è ancora relativamente ben ricompensato. Inoltre, gli investitori che hanno partecipato ai recenti rialzi non hanno acquistato indiscriminatamente.
  3. Fondamentali solidi: i livelli di indebitamento societario sono sostenibili, specialmente in Europa. Non stiamo assistendo a nessuna “abbuffata di debito” dovuta ad acquisizioni attraverso debito (LBO), ecc. Allo stesso tempo, la quantità di emissioni, anche se stabile non è eccessiva, perché, tra gli altri fattori, le necessità di rifinanziamento a breve termine delle società sono in gran parte soddisfatte.
  4. Politica monetaria: all’interno dell’area Euro, la politica accomodante della BCE e il programma CSPP (Corporate Sector Purchase Programme) sostengono indirettamente le obbligazioni high yield. I tassi rimangono bassi e il programma CSPP ha causato una carenza di obbligazioni Investment Grade, spingendo gli investitori verso le obbligazioni high yield. È ampiamente atteso che questo programma venga prolungato e le banche centrali in Giappone e Regno Unito hanno lanciato programmi simili.
  5. Volatilità: episodi di volatilità sono probabili viste le fonti di incertezza, ad esempio le prospettive sui tassi d’interesse statunitensi, il referendum costituzionale italiano, l’impatto della Brexit, ecc. Mentre questo è tipico dell’asset class, vale la pena ricordare che questa situazione può essere mitigata tenendo strettamente sotto controllo il rischio all’interno di un fondo e che, nel complesso, la volatilità delle obbligazioni high yield è inferiore rispetto a quella delle azioni e i loro rendimenti sono paragonabili nel lungo periodo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: ecco come posizionarsi nell’obbligazionario globale

Fondi, da Plenisfer un nuovo comparto obbligazionario flessibile

Etf, da Amundi un nuovo prodotto obbligazionario sul clima

NEWSLETTER
Iscriviti
X