Torna a salire il debito pubblico italiano

A
A
A
di Finanza Operativa 6 Dicembre 2016 | 14:00

Secondo le stime della Mazziero Research, il debito pubblico italiano torna a salire a 2.224 miliardi, nella rilevazione di ottobre che verrà pubblicata il 15 dicembre dalla Banca d’Italia; proseguirà in aumento anche il mese prossimo a 2.231 miliardi chiudendo poi l’anno in forte calo tra 2.190 e 2.196 miliardi.
Vengono rilasciate anche le stime preliminari del debito sino a giugno 2017, pur con la legge di stabilità ancora in fase di approvazione: la traiettoria si presenta in crescita con un valore alla fine del primo semestre 2017 compreso tra 2.255 e 2.285 miliardi.
“L’esito referendario – precisa Maurizio Mazziero, fondatore della Mazziero Research – almeno per il momento, non ha alcuna influenza sulle stime rilasciate”.

I dati ufficiali
Debito pubblico: 2.213 miliardi
Relativo a: settembre 2016
Pubblicato il: 15 novembre 2016
Le stime Mazziero Research
Debito pubblico: 2.224 miliardi (in aumento)
Intervallo confidenza al 95%:
compreso tra 2.221 e 2.227 miliardi
Relativo a: ottobre 2016
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 dicembre 2016
Debito pubblico: 2.231 miliardi (in aumento)
Intervallo confidenza al 95%:
compreso tra 2.228 e 2.235 miliardi
Relativo a: novembre 2016
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 13 gennaio 2017
Debito pubblico a fine 2016:
compreso tra 2.190 e 2.196 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 febbraio 2017
Debito pubblico a giugno 2017:
compreso tra 2.255 e 2.285 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato il: a metà agosto 2017
Stima spesa per interessi a fine 2016
Spesa per interessi a ottobre 2016: 57,1 miliardi di euro.
Stime Mazziero Research a fine 2016: 68,8 miliardi di euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: il debito pubblico resta la palla al piede dell’Italia

Mercati, Italia: bene la crescita, ma ora va resa strutturale

Mercati, Italia: debito pubblico previsto ancora in crescita

NEWSLETTER
Iscriviti
X