Bond: per il 2017 preferire inflation linked ai governativi

A
A
A
di Finanza Operativa 14 Dicembre 2016 | 15:00

A cura di Maura Murphy, co-portfolio manager, Global Multi-Asset Income Fund di Loomis, Sayles

Nel 2017 l’aumento dei rendimenti a livello globale, una maggiore crescita e l’aumento dell’inflazione guideranno le performance del mercato obbligazionario. I venti di cambiamento politici negli Stati Uniti e nel Regno Unito saranno altresì i principali fattori che spingeranno al rialzo i tassi nominali. Le aspettative di una maggiore spesa fiscale, sempre in territorio americano e inglese, metteranno pressione all’inflazione e alle aspettative del costo della vita. La politica fiscale espansiva, assieme a una politica monetaria restrittiva, dovrebbe rendere bullish il dollaro.

Tenendo conto delle aspettative dell’inflazione, preferiamo le obbligazioni inflation linked ai bond governativi, anche se entrambi potrebbero conseguire un rendimento negativo il prossimo anno. Gli asset obbligazionari meno sensibili ai tassi di interesse dovrebbero sovraperformare quelli con una sensibilità più alta alla duration. Detto ciò, le obbligazioni con una lunga duration di elevata qualità continueranno a performare bene, anche nel caso in cui il prossimo anno possano verificarsi fasi dominate da timori sulla crescita a livello globale.

L’outlook per i mercati emergenti appare più incerto. L’aumento dei tassi di interesse e quello dell’inflazione, combinati con la debolezza delle valute emergenti, potrebbero continuare a tenere sotto pressione il mercato dei bond emergenti, sia governativi che corporate. Prevediamo che i credit spread si muoveranno in un range limitato, anche se risulterà leggermente più ampio alle fine del 2017. In generale, ci aspettiamo rendimenti a una cifra per i prodotti di credit spread. Ciò riflette le pressioni di un livello più alto dei tassi e il fatto che ci troviamo in una fase avanzata di un ciclo economico espansivo. Nell’ambito del credito, i settori delle infrastrutture, dei materials e della difesa dovrebbero sovraperformare dati gli investimenti previsti in questi segmenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: le opportunità della duration lunga sui bond

Mercati, bond: le nuove emissioni governative e corporate sotto la lente

Mercati: Pil Usa oggi sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X