L’esposizione all’intelligenza artificiale delle aziende tecnologiche

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Febbraio 2018 | 08:30

A cura di Pictet Am
L’esposizione del fondo Pictet-Digital al promettente segmento dell’Intelligenza Artificiale (AI) è molto difficile da quantificare, dal momento che l’Intelligenza Artificiale è ormai presente ovunque. In ogni singolo software oggi troviamo algoritmi di Intelligenza Artificiale. Questo è il motivo per cui calcolare un dato preciso di esposizione pura all’Intelligenza Artificiale è molto difficile, dal momento che essa rappresenta la maggior parte delle volte una tecnologia abilitante, un modo per Microsoft, Medidata, Zendesk e molti altri ancora di migliorare i loro servizi.
L’AI deve essere vista come uno strumento per sviluppare una generazione migliore di software predittivi ed analitici, in grado di identificare nuove traiettorie e quindi fornire servizi migliori. Dal momento che il comparto Pictet – Digital investe su Internet e Software, stiamo beneficiando in pieno di questi sviluppi. Ritornando all’esposizione del Digital, ed essendo conservativi (escludendo le telecomunicazioni e altri business model non collegati) potremmo dire che quasi il 70% del nostro fondo è esposto ad aziende con qualche tipo di esposizione all’Intelligenza Artificiale. Alcuni esempi.
Salesforce: implementa “Einstein” negli strumenti di CRM per migliorare capacità analitica, predittiva e chatbots.
Zendesk: quasi il 70% delle richieste dei consumatori sono ora gestite da chatbots. “Più del 40% dei consumatori si aspettano che i loro quesiti vengano risolti entro un’ora. Le tecnologie assistite da Intelligenza Artificiale sono in grado di soddisfare queste nuove esigenze in modi del tutto nuovi. Infatti, il 45% dei venditori al dettaglio pianifica di aggiungere l’Intelligenza Artificiale al proprio Servizio Clienti” (Jason Maynard, VP & GM of Guide & Data Products at Zendesk – Settembre 2017)
Medidata: usa l’Intelligenza Artificiale per i test clinici sintetizzati/digitalizzati. “Medidata sta sviluppando piattaforme di Intelligenza Artificiale per eliminare i placebo dai test per i nuovi medicinal, grazie alla digitalizzazione legata all’Intelligenza Artificiale” (The Times – Ottobre 2017)
Amazon, Google, Microsoft e Apple: usano il riconoscimento vocale, in grado di processare la voce naturale per i loro smartphone o per i loro assistenti personali (Amazon Alexa, Apple Siri, Google Assistant, Microsoft Cortana).
Google, Baidu: usano l’intelligenza artificiale nei loro motori di ricerca. “Il più grande, migliore e quasi unico motore di ricerca della nostra epoca – Google – usa l’Intelligenza Artificiale per andare alla ricerca dei risultati più rilevanti tra i miliardi di risultati e di pagine che ci sono nel web. Negli ultimi anni, “Googolare” è diventato più contestuale e voice-friendly, ma una nuova e cruciale parte dell’algoritmo di ricerca, chiamata RankBrain, è ciò che rende le ricerche di Google efficaci.”
Tencent: usa l’intelligenza Artificiale per migliorare l’esperienza di gioco online e lo sviluppo di nuovi giochi.
Questi sono solo alcuni esempi che dimostrano la pervasività dell’Intelligenza Artificiale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, intelligenza artificiale sempre più cruciale per le aziende

La tecnologia europea? Ha il suo vantaggio competitivo nel “purpose”

Intelligenza artificiale, le opportunità per investire non mancano anche fuori dagli Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X