Dati macro deboli, BoE ancora accomodante

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Maggio 2018 | 14:30

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM

Riteniamo probabile che la Bank of England si manterrà prudente e si asterrà dall’aumentare i tassi d’interesse nel meeting della prossima settimana, dal momento che i dati economici risultano deboli e i sondaggi non suggeriscono alcun miglioramento imminente.

Per quanto riguarda i dati relativi all’attività economica, osserviamo la debole espansione del PIL nel primo trimestre (+0,1%), che non è dovuta esclusivamente alle condizioni climatiche avverse, ed è di gran lunga inferiore alle previsioni dell’Istituto (1,9%).

Come confermato dall’Office for National Statistics (ONS) nel suo comunicato stampa, l’impatto settoriale delle nevicate di fine febbraio e marzo è stato ridotto. Notiamo anche la scarsa performance nel settore delle costruzioni (-3,3%). È stato invece più positivo il risultato della produzione industriale (+0,7%) e del settore dei servizi (+0,3%). Per quanto riguarda quest’ultimo, i sondaggi indicano che la domanda interna dovrebbe restare contenuta, con gli indicatori di fiducia dei consumatori che non lasciano intravedere alcun miglioramento. In termini di livelli, la fiducia resta in linea con la sua media a lungo termine, mentre rimane il divario tra una valutazione più positiva della situazione personale (al di sopra della media) e una situazione economica generale più negativa (al di sotto della media).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Forex: Sterlina in crisi e non solo per colpa della Brexit

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Banche e dividendi: ora la palla passa alla Bce

NEWSLETTER
Iscriviti
X