Via libera al credito d’imposta per fondi pensione e casse di previdenza

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Agosto 2015 | 17:05
Compensare l’aumento dell’aliquota dell’imposta sostitutiva sui redditi di natura finanziaria subito dagli enti di previdenza obbligatoria e dalle forme di previdenza complementare e attrarre capitali per finanziare investimenti che necessitano di risorse per lunghi periodi di tempo e che vadano a beneficio dell’economia reale. Sono questi i due grandi obiettivi che hanno accompagnato l’emanazione del […]

Compensare l’aumento dell’aliquota dell’imposta sostitutiva sui redditi di natura finanziaria subito dagli enti di previdenza obbligatoria e dalle forme di previdenza complementare e attrarre capitali per finanziare investimenti che necessitano di risorse per lunghi periodi di tempo e che vadano a beneficio dell’economia reale. Sono questi i due grandi obiettivi che hanno accompagnato l’emanazione del decreto 19 giugno 2015 che definisce condizioni, termini e modalità di applicazione del credito di imposta riconosciuto a favore di fondi pensione e delle casse di previdenza obbligatoria. Ma al fine di usufruire di tale credito i soggetti interessati dovranno effettuare investimenti nelle attività di carattere finanziario a medio e lungo termine definite dal decreto stesso che, soprattutto su questi punti, ha recepito le osservazioni che Assogestioni ha rappresentato alla Amministrazione finanziaria in relazione alle versioni del decreto stesso diffuse in precedenza.

In linea di massima, per le casse di previdenza, il credito è pari al 6% dei redditi di natura finanziaria assoggettati alle ritenute e imposte sostitutive del 26%, ma spetta solo sui redditi investiti in attività di carattere finanziario a medio e lungo termine. Gli intermediari sono tenuti a certificare i redditi assoggettati ad imposta, ma non l’ammontare del credito d’imposta. Le imposte sui redditi percepiti senza l’intervento degli intermediari e tassati nel modello UNICO dell’ente devono invece essere autocertificati dall’ente. Per quanto riguarda, invece, i fondi pensione il credito è pari al 9% del risultato di gestione reinvestito in attività di carattere finanziario a medio e lungo termine. In particolare, per i fondi pensione, dovrebbe essere possibile beneficiare del credito di imposta a partire dall’anno 2016 in relazione agli investimenti effettuati nel 2015 (da considerarsi come primo “periodo d’imposta di riferimento”), del risultato maturato di gestione conseguito dalle forme pensionistiche complementari nel 2014.

Leggi tutto su www.assogestioni.it

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Barometro Crif: ad aprile rallenta il calo delle richieste di mutui e surroghe

Prestiti: salgono gli importi, scendono i tassi

Fondi pensione: da gennaio ricerche online aumentate del 79%

NEWSLETTER
Iscriviti
X