Commodity ancora ai minimi. Rame: per Morgan Stanley il tonnellaggio perso è al 6%

A
A
A
di Finanza Operativa 6 Agosto 2015 | 15:30

Il comparto dei metalli industriali continua a confermare i minimi pluriannuali registrati in questo ultimo periodo. I principali metalli quotano a ridosso degli importanti supporti registrati a fine luglio e corrispondenti ai minimi degli ultimi sei anni. Non mancano le pressioni ribassiste provenienti dalle difficoltà del settore industriale cinese – fanno notare gli analisti di Wings partners Sim – mentre si registra un supporto nella lettura positiva dell’andamento del settore dei servizi che è cresciuto al ritmo più sostenuto degli ultimi 11 anni grazie allo sviluppo di nuovi attività di business. Tuttavia, un dollaro forte limita i guadagni rendendo più onerose le posizioni d’acquisto.

Le quotazioni del rame, in particolare, rimangono in prossimità del supporto identificato a quota 5.160 dollari per tonnellata, mentre si individua, affermano da Wings parners,  in area 5.240 dollari il primo livello di resistenza per le quotazioni del metallo rosso. I bassi prezzi del metallo hanno indotto molte miniere ad interrompere le loro attività e, la banca d’affari americana Morgan Stanley, stima che il tonnellaggio “perso” è pari a circa il 6% della produzione annuale totale.            G.R.

Clicca sul grafico del rame per ingrandirlo

rame grafico tecnico

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, Cina: i pro e i contro di restare investiti

Mercati: il caso Cina e le opportunità rimaste

Etf, da KraneShares uno strumento per investire sugli unicorni cinesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X