Domani Piteco sbarca all’Aim Italia

A
A
A
di Finanza Operativa 30 Luglio 2015 | 17:40

Piteco, leader in Italia nella progettazione e implementazione di soluzioni gestionali in area Tesoreria e Pianificazione Finanziaria comunica di aver ricevuto da Borsa Italiana l’ammissione alle negoziazioni su AIM Italia – Mercato Alternativo del Capitale, sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana. L’inizio delle negoziazioni è fissato per venerdì 31 luglio 2015.
Financial Highlights. Nel 2014 Piteco ha realizzato ricavi pari a Euro 12,3 milioni, in crescita del 10% rispetto a Euro 11,2 milioni nel 2013. L’EBITDA è pari a Euro 5,2 milioni, in crescita del 21% rispetto a Euro 4,3 milioni nel 2013; la marginalità lorda è salita al 42% dei ricavi contro il 39% del 2013, con una eccezionale cash conversion pari a circa il 90%.
Collocamento. Il controvalore complessivo delle risorse raccolte attraverso l’operazione ammonta a circa 16,5 milioni di Euro, di cui circa 11,5 milioni di Euro mediante emissione di azioni ordinarie e circa 5 milioni di Euro mediante emissione di un Prestito Obbligazionario Convertibile. La domanda di azioni è stata superiore al doppio del quantitativo offerto.
L’ammissione a quotazione è avvenuta a seguito del collocamento di 3.484.500 azioni ordinarie comprensivi di over-allotment. Il prezzo unitario delle azioni rinvenienti dal collocamento è stato fissato in Euro 3,30; sulla base di tale prezzo è prevista una capitalizzazione di mercato pari a circa 60 milioni di Euro. Il flottante della Società post quotazione sarà pari al 16,72 % del capitale sociale e ipotizzando l’integrale esercizio dell’opzione greenshoe sarà pari a circa il 19,22%
Le Obbligazioni convertibili sono state emesse alla pari al valore unitario di Euro 4.200,00. Il tasso di interesse è pari al 4,5% sul valore nominale e verrà corrisposto in via posticipata il 31 luglio di ogni anno. La conversione potrà avvenire in qualunque giorno lavorativo bancario a decorrere dalla data di inizio negoziazioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Smart working, l’Italia resta indietro

NEWSLETTER
Iscriviti
X