La ripresa resiste. Il punto sull’economia globale di Petercam

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Agosto 2015 | 16:15

A cura di Hans Bevers, Senior Economist, Petercam
Il forte calo registrato dai prezzi azionari e delle materie prime negli ultimi giorni pare suggerire che l’economia globale stia entrando in una fase di forte rallentamento, o addirittura in una nuova recessione. Inoltre, le valute dei Mercati Emergenti stanno soffrendo fortemente, portando alcuni osservatori a ritenere che una vera e propria crisi finanziaria nei Paesi della regione sia alle porte.
Questa non è però la nostra opinione. I mercati finanziari sono sempre più preoccupati per il rallentamento della crescita cinese, specialmente dopo che le autorità di Pechino hanno svalutato lo yuan. Ma, nel complesso, i dati macro sono ancora coerenti con uno scenario di ribilanciamento dell’economia del gigante asiatico, piuttosto che con quello di un “atterraggio brusco”. Sebbene il trend di lungo termine sia chiaramente al ribasso, le misure di stimolo monetario e gli ulteriori provvedimenti di spesa pubblica già adottati dovrebbero a breve iniziare a dare i loro frutti.
La debolezza dei Mercati Emergenti probabilmente persisterà e molti Paesi dell’area continueranno a essere vulnerabili; però, una vera e propria crisi dei Mercati Emergenti pare improbabile, per diverse ragioni. Innanzitutto, i tassi di cambio sono più flessibili, e hanno così fatto superare la “paura delle oscillazioni”. In secondo luogo, le politiche di bilancio meno pro-cicliche permettono di avere deficit più ampi in periodi di crisi. Poi, la quota di debito in valuta estera (il “peccato originale”) è inferiore e permette di evitare un disallineamento di valuta e scadenza tra i ricavi nazionali e le passività verso l’estero. Infine, la quota di riserve in valuta estera alla quale si può attingere per mitigare il deprezzamento della divisa locale è significativamente superiore. Quest’ultimo elemento è importante, perché per Paesi molto indebitati, con passività denominate in valute straniere, il deprezzamento valutario può avere effetti contrattivi, invece che espansivi.
Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America e l’area della moneta unica, gli indicatori sulla fiducia economica continuano a confermare il nostro scenario di una moderata ripresa globale. Abbiamo detto in precedenza che l’area euro deve affrontare ancora ostacoli importanti, e non useremmo certo per la ripresa a stelle e strisce l’aggettivo “spettacolare”. Ciò detto, non vediamo neanche ragioni per essere troppo pessimisti. La ripresa globale sta mostrando segnali di tentennamento, ma gli indicatori anticipatori non lasciano presagire un forte rallentamento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Yuan cinese verso la trasparenza

La volatilità ha le ore contate? La view di East Capital

La Cina non è Lehman, ora bisogna restare calmi: la view di Ubp

NEWSLETTER
Iscriviti
X