Da SG i primi certificati a leva fissa X7 per investire su tassi di cambio

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Settembre 2015 | 12:30

Societe Generale, leader del mercato degli strumenti quotati sul SeDeX di Borsa Italiana, conferma il proprio primato sui certificati a leva fissa e diversifica sul Forex, quotando per prima strumenti a leva x7 che permettono di investire sui tassi di cambio EUR/USD ed EUR/GBP.
Nel dettaglio, partire dall’8 settembre saranno quattro i certificati a leva fissa di Societe Generale ad essere quotati sul segmento SeDeX di Borsa Italiana:
SG Daily Leverage Certificate x7 Long USD and Short EUR (codice Isin XS1265958162): permette di investire sull’apprezzamento del Dollaro rispetto all’Euro con leva giornaliera x7;

SG Daily Leverage Certificate x7 Short USD and Long EUR(Isin XS1265958246): permette di investire sul deprezzamento del Dollaro rispetto all’Euro con leva giornaliera x7;

SG Daily Leverage Certificate x7 Long GBP and Short EUR (XS1265958329): permette di investire sull’apprezzamento della Sterlina rispetto all’Euro con leva giornaliera x7;

SG Daily Leverage Certificate x7 Short GBP and Long EUR (:XS1265958592) permette di investire sul deprezzamento della Sterlina rispetto all’Euro con leva giornaliera x7.
Societe Generale arricchisce così la sua gamma di certificati a leva fissa che già risultava essere la più ampia su Borsa Italiana. I nuovi strumenti sui tassi di cambio, infatti, si aggiungono ai 20 già quotati e che – con diverse leve giornaliere, da 3 a 7 – permettono di prendere posizione su indici azionari (FTSE MIB, Dax e Euro Stoxx 50) e materie prime (oro e petrolio).
Marcello Chelli, Co-Head Public Distribution di Societe Generale in Italia, afferma: “I Certificate a leva fissa x7 su tassi di cambio sono un’assoluta novità per Borsa Italiana e contiamo di raccogliere l’interesse sia dei trader, che hanno una finalità speculativa, sia degli investitori, animati da una finalità di copertura. In entrambi i casi, grazie alla leva x7, il consumo di capitale sarà limitato. Riteniamo che questi strumenti saranno apprezzati anche da quegli operatori professionali che hanno difficoltà ad accedere ai derivati sul Forex”.
Per l’autunno, Societe Generale ha in programma un ampio piano di sviluppo dei prodotti a leva fissa quotati che riguarderà il SeDeX (con i certificati a leva fissa) e l’ETFplus (con la quotazione di nuovi ETC). “Non ci concentreremo solo sul Forex. Il nostro obiettivo è offrire agli investitori innovazione e prodotti efficienti; pertanto, Societe Generale tornerà sul mercato con prodotti a leva che guardano sia all’azionario, sia all’obbligazionario”, aggiunge Chelli.
I Certificate sono emessi da SG Issuer con la garanzia di Societe Generale. L’investitore è quindi esposto al rischio Societe Generale in qualità di garante (rating: S&P A; Moody’s A2; Fitch A). In caso di default di Societe Generale, l’investitore incorre in una perdita di capitale.
Questi Certificate sono strumenti finanziari a complessità molto elevata e non sono a capitale garantito a scadenza; espongono l’investitore al rischio di perdita totale del capitale investito e pertanto necessitano di una buona conoscenza del loro funzionamento.
L’aliquota d’imposta attualmente in vigore per i Certificates è pari al 26%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da Societe Generale sei nuovi Cash Collect

Certificati: Banca Cesare Ponti dà il via alla prima emissione

Certificati, fare trading sui green credit con i leva fissa di Societe Generale

NEWSLETTER
Iscriviti
X