Rame, il terremoto in Cile scalda le quotazioni

A
A
A
di Finanza Operativa 17 Settembre 2015 | 14:00

a cura di Michael Palatiello, strategist di Wings Partners Sim

Nervosismo palpabile sui mercati alla vigilia del tanto sospirato annuncio della Yellen previsto per questa sera alle 20.30 e che potrebbe sancire il primo rialzo dei tassi in USA da oltre 7 anni a questa parte. La platea degli operatori rimane equamente divisa tra chi si aspetta il fatidico rialzo di 25 bps ma accompagnato da toni e stremamente accomodanti, e chi invece punta ad un ulteriore dilazione ma con toni che confermerebbero che il rialzo è da attendersi tra ottobre e dicembre.

Le ultime statistiche economiche continuano a confermare un quadro macro poco favorevole a qualsivoglia restrizione monetaria; sotto le attese i dati sui prezzi al consumo ieri sia in Europa che in USA a testimoniare come sia la deflazione e non l’inflazi one attualmente il nemico da combattere. E non è comunque detto che l’attuale strategia di allentamento quantitativo possa essere premiante in questo senso come testimonia il recente declassamento del Giappone ad opera di S&P che ha sollevato non poche perplessità sulla reale possib lità dell’Abenomics di risollevare il paese nipponico dalla trappola rappresentata da persistente deflazione e bassa crescita in un conte sto in cui invece il debito continua a salire a ritmi vertiginosi.

In questo scenario il comparto dei metalli non ferrosi continua a guardare con attenzione al rame, e il recente contrasto tra teorici di un surplus continuativo (cappeggiati da Goldman Sachs) e quelli invece che vedono potenziali deficit all’orizzonte (Citigroup o Arubis tra i tanti) si arricchisce oggi di un colpo di scena con il terremoto abbattutosi sul Cile che ha immediatamente scatenato ricoperture ribassiste sul mercato asiatico con un picco di quotazione in area 5.440 dollari per tonnellata prima che la notizia di danni decisamente contenuti al comparto minerario producesse prese di beneficio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Commodity: ecco il portafoglio in Etc che sfiora il +90%

Investimenti, le conseguenze sui portafogli del petrolio a 100 dollari

Asset allocation: manifattura e commodity rilanciano gli Emergenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X