LuVe pubblica il bilancio semestrale. Pesano la crisi in Grecia e in Russia

A
A
A
di Finanza Operativa 17 Settembre 2015 | 13:30

LuVe, azienda specializzata nel settore del condizionamento e della refrigerazione industriale, quotata sul mercato AIM Italia dallo scorso mese di luglio, ha pubblicato i suoi risultati del primo semestre. Ecco i punti salienti:

– cresce del 10,9% l’Utile netto del periodo, che passa da Euro 4 milioni ad Euro 4,5 milioni;
– resta stabile il fatturato (+ 2,6% a cambi costanti);
– l’EBITDA passa da Euro 14 milioni ad Euro 12,4 milioni (principalmente a causa dell’ “Effetto Rublo” e per costi non ricorrenti);
– la posizione finanziaria netta migliora di Euro 4,5 milioni rispetto a quella al 30 giugno 2014, passando da Euro 69,6 milioni ad Euro 64,9 milioni;
– la generazione di cassa netta (rettificata per dividendi e investimenti straordinari) nei 12 mesi conclusisi a giugno 2015, ammonta a circa Euro 12,2 milioni.

Uno scenario economico generale non brillante e pesantemente influenzato a livello internazionale dalla crisi della Grecia e dal protrarsi delle tensioni tra Ucraina e Russia, che hanno provocato il mantenimento delle sanzioni economiche verso questo importante mercato di sbocco dei prodotti del Gruppo; in secondo luogo, un consistente rallentamento degli investimenti di alcune delle maggiori catene di supermercati europee e un andamento cedente dei prezzi di mercato di alcune delle più importanti materie prime sia di diretto utilizzo del Gruppo (rame e alluminio) sia di altre quali il petrolio, che hanno pesantemente influenzato e rallentato i programmi di investimento in progetti legati ai settori dell’Oil & Gas e della Power Gen.
In linea generale, l’andamento della domanda nei diversi settori delle attività del Gruppo e nelle aree geografiche di interesse del Gruppo ha avuto un andamento piuttosto disomogeneo.
Nel complesso, dall’analisi delle vendite per aree geografiche emerge una crescita in tutti i paesi dove il gruppo è presente con propri siti produttivi; dall’Italia che cresce oltre il 9%, alla Svezia (+7%) alla Repubblica Ceca (+15%) alla Polonia (+23%) fino alla Cina (+12%).
Diverso il caso della Russia dove pure la forte crescita (+19%) delle vendite di prodotti realizzati in loco non è riuscita a compensare del tutto il forte calo delle esportazioni dall’Italia di prodotti attualmente non realizzabili nel sito produttivo di Lipetsk.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X