Tassi Usa: invariati come da previsione

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 17 Settembre 2015 | 20:51
Come da pronostico, alla fine Fed ha lasciato i tassi di interesse invariati al minimo storico tra lo zero e lo 0,25%,  livello invariato ormai dal lontano dicembre 2008. Non solo. Il Fomc ha spiegato che “quando il Comitato deciderà di iniziare a ritirare la politica accomodante, assumerà un approccio bilanciato”. In altri termini, quando la Yellen deciderà di alzare i tassi, lo farà molto gradualmente. Ancora una volta, come da copione ormai collaudato.
Composta, di conseguenza visto che il dato è stato in linea con la maggioranza dei consensus, la reazione di Wall Street con l’indice S&P 500 in rialzo frazionale (+0,3%) dopo la decisione della Banca Centrale Usa.
In una nota la Fed ha poi spiegato i motivi per cui è rimasta ferma: l’attività economica a stelle e strisce si espande a ritmo moderato e anche se si registra un solido rafforzamento del mercato del lavoro con una flessione della disoccupazione, non è ancora giunto il momento di tornare ad alzare il costo del denaro. A frenare l’economia inoltre “potrebbero essere gli eventi finanziari globali” a partire dai rischi provenienti dai Paesi emergenti.
La decisione del Fomc, il braccio di politica monetaria della Federal Reserve, non è stata comunque unanime ma è passata con nove voti su dieci: contrario Jeffrey Lacker, che avrebbe preferito un rialzo dei tassi di un quarto di punto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Wall Street col fiatone alla prova delle trimestrali

Mercati, la Fed sacrifica la Borsa per cercare di salvare il dollaro

Mercati, l’S&P 500 supera anche la vetta a quota 4.000. Tutti gli Etf a Milano

NEWSLETTER
Iscriviti
X