L’Orso graffia anche i titoli minerari e le commodity. Gli Etc per sfruttare la situazione

A
A
A
di Finanza Operativa 23 Settembre 2015 | 15:30

Le prese di beneficio sui listini azionari sono state particolarmente pesanti in Europa, con i maggiori indici in ribasso di oltre il 3%, ma non hanno risparmiato ne il comparto americano ne quello asiatico questa mattina; tra le vittime eccellenti di questa rinnovata avversione al rischio anche il settore minerario e della materie prime, con Glencore crollata di un ulteriore 10% ai minimi storici a guidare la mattanza. Anglo American, Arcelor Mittal e Antofagasta hanno tutte subito ribassi superiori al 6%. Kaz Minerals è addirittura crollata del 21 per cento.

Allo stesso tempo sono stati colpiti anche i prezzi delle materie prime, con i metalli non ferrosi ieri artefici di un sostanziale ribasso guidato ancora una volta dal rame che si avvicina pericolosamente al supporto posto a 5.000 dollari per tonnellata “sulla scia – affermano glianalistidi Wings Parners Sim – di ulteriori indiscrezioni che vedono surplus crescenti nei mesi/anni a venire”.

Ad aggravare la situazione si è poi aggiunta Nomura che prevede un surplus crescente di rame con un eccesso di offerta sulla domanda pari a 598mila tonnellate entro il 2017, elemento che certo non depone favorevolmente sulle prospettive delle quotazioni.

Per sfruttare un potenziale ribasso delle commodity in generale, a Piazza Affari sono disponibili una serie di Etc short ad hoc: Etfs Daily Short All Commodities, Etfs Daily Short Industrial Metals ed Etfs Daily Short Copper.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Commodity: ecco il portafoglio in Etc che sfiora il +90%

Investimenti, le conseguenze sui portafogli del petrolio a 100 dollari

Asset allocation: manifattura e commodity rilanciano gli Emergenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X