Giappone, crescono disoccupazione, base monetaria e la spese delle famiglie

A
A
A
di Finanza Operativa 2 Ottobre 2015 | 09:02

Il tasso di disoccupazione in Giappone, secondo quanto riportato dal ministero di Affari interni e Comunicazione nipponico, è tornato a salire ad agosto attestandosi al 3,4% dal 3,3%.
Dal mese di marzo il dato è in altalena tra il 3,4% (segnato anche in giugno) e il 3,3% appunto. Il job-to-applicant ratio (rapporto tra posizioni disponibili e richieste di lavoro) è cresciuto a 1,23 contro 1,21 di luglio e a fronte di attese degli economisti per una lettura a 1,22.

Secondo i dati diffusi dalla Bank of Japan, inoltre, la base monetaria del Sol Levante è cresciuta in settembre del 35,1% su base annua, contro il progresso del 33,3% registrato in agosto (32,8% in luglio) e meglio del 34,2% di aumento atteso dagli economisti.

Infine, in agosto la spesa delle famiglie in Giappone, secondo quanto comunicato dal ministero di Affari interni e Comunicazione, è cresciuta del 2,9% su base annua, dopo il declino dello 0,2% di luglio e del 2,0% in giugno (in maggio il dato aveva evidenziato il primo progresso in 14 mesi del 4,8%) e a fronte dello 0,4% di incremento atteso dagli economisti.
Su base mensile la lettura è per una crescita del 2,5% dopo il progresso dello 0,6% di luglio (e il declino del 3,0% in giugno), contro lo 0,5% del consensus.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Economia cinese, la base monetaria è la chiave

NEWSLETTER
Iscriviti
X