Etp, i dati deboli sull’occupazione Usa supportano i flussi netti sull’oro

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 7 Ottobre 2015 | 10:00

a cura di Etf Securities

I dati deboli sull’occupazione USA supportano l’oro La settimana si è conclusa con un rapporto del mercato del lavoro americano deludente, che ha spinto sempre di più le aspettative di un aumento di tasso da parte della Federal Reserve. L’oro ha risposto positivamente in quanto gli investitori privilegiano l’attività monetario dura nei confronti del dollaro, una moneta si sentono viene degradato il più a lungo l’impostazione del criterio rimane bassissimo. Questa settimana Fed minuti di riunione potrebbero offrire più indizi su quando la centrale sarà probabilmente alzare i tassi.

Gli ETP sull’oro hanno visto afflussi netti per 5.5 milioni di dollari dopo il rilascio dei dati sull’occupazione. Questo ha segnato la terza settimana consecutiva di afflussi sull’oro. Anche se  notevolmente inferiori agli afflussi di 16.6 milioni di dollari e 40.9 milioni di dollari delle precedenti due settimane, il turnover è stato decisamente alto. Entrambi, grandi afflussi e grandi riscatti sono stati effettuati nel corso della settimana mettendo in evidenza i punti di vista polarizzati degli investitori. Alcuni investitori sono incoraggiati da un aumento delle importazioni di oro cinesi e dalla domanda stagionale in India. Altri investitori hanno visto l’impegno della Federal Reserve di alzare i tassi quest’anno come un trend negativo per l’oro e hanno continuato a ridurre le loro esposizioni. Non pensiamo che un unico report sul mercato del lavoro cambierà i tempi della decisione della Fed di alzare i tassi (che a nostro avviso avverrà nel mese di dicembre), ma ciò ha ulteriormente accentuato la debolezza dei dati che potrebbe alla lunga influenzare le idee della banca centrale.

I metalli platinoidi divergono. Il palladio ha guadagnato l’1,4% la scorsa settimana, mentre il platino ha perso il 2,9%. Sulla scia dello scandalo della Volkswagen, molti investitori ritengono che ci sarà una forte reazione negativa dei consumatori contro le auto diesel, favorendo le loro controparti a benzina. Le auto diesel utilizzano più platino nei loro catalizzatori mentre le auto a benzina utilizzano più il palladio. Lo scandalo incarna una tendenza già in atto. Con le normative più severe sulle emissioni in Europa, il platino stato già perdendo favore. Gli ETP sul platino hanno visto 11.3 milioni di deflussi. Il palladio ha visto deflussi con gli investitori che hanno preso profitto.

Gli ETP sul WTI ricevono afflussi, mentre il Brent vede deflussi. Dopo 14 settimane consecutive gli ETP sul Brent hanno visto deflussi la scorsa settimana con il prezzo del benchmark che ha perso l’1,0%. Il WTI ha subito un calo più moderato, perdendo solo 0,4%. Gli ETP sul WTI hanno visto afflussi dopo una pausa di due settimane. I prezzi del petrolio deboli stanno guidando tagli sugli investimenti petroliferi upstream e stimolando un aumento della domanda. Per un eccesso di offerta ci vorrà tempo per lavorare, ma il cammino per l’equilibrio tra domanda/offerta potrebbe vedere i benchmark del petrolio raggiungere i 60-70 dollari al barile nella seconda metà del 2016.

L’ETFS Daily Short Copper (SCOP) ha visto deflussi per 5.3 milioni di dollari americani con gli investitori che hanno tagliato le loro scommesse al ribasso. Il rame ha guadagnato lo 0,9% la scorsa settimana con le prospettive di una stretta sull’approvvigionamento. I principali minatori come la Glencore hanno manifestato l’intenzione di ridurre la produzione e potremmo finire nel sesto anno consecutivo di un deficit di approvvigionamento se la tendenza continua.

image002

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Una nuova fase rialzista delle materie prime è vicina

Materie prime, stiamo assistendo a una nuova fase rialzista?

Oro, aumentano i flussi registrati sugli Etp

NEWSLETTER
Iscriviti
X