Scatta l’Ipo Ferrari. Ecco le stime di Equita Sim sui multipli del titolo

A
A
A
di Finanza Operativa 12 Ottobre 2015 | 12:00

Scatta l’Ipo di Ferrari a Wall Street. Il primo giorno di quotazione sarà mercoledì 21 ottobre. La forchetta di prezzo è stata fissata tra i 48 e i 52 dollari per azione, che equivale a una valutazione del 100% dell’equity di 9,07-9,82 mld di dollari (8-8,7 mld euro), superiore alla stima degli analisti di Equita Sim di circa 8 mld euro.

Al punto intermedio del range della forchetta – affermano gli analisti di Equita Simi multipli impliciti sarebbero: sull’Ev/Ebitda 13 volte il 2016 e 12 volte il 2017, sull’Ev/Ebit 19 e 17 volte e sul P/E 29 e 27 volte, a premio rispetto alla media delle società del lusso (rispettivamente, 11/10, 14/12 e 21/19 volte), ma a sconto sul best-in-class Hermes (17,5/16, 19,5/17,5 e 31/28 volte)”.

Ferrari ha fornito anticipazioni sul terzo trimestre, che si chiuderà in forte crescita (trainato da maggiori volumi ed effetto cambi), superiori alle attese di Equita Sim: ricavi +9/10% a/a a 720-730 mln (da inizio anno +5% a 2,11 mld); Ebitda rettificato +19/22% a 210-215 mln; Ebit +57/62% a 140-145 mln (da inizio anno +31/32% a 358-363 mln).

Quanto a Fca, tenuto conto di un incasso di 0,8-0,87 mld di euro e considerando che deconsoliderà circa 1,7 mld di debito netto attribuito a Ferrari, Equita stima che il debito netto pro-forma a fine anno scenderà a circa 4,9-5,5 mld (rispetto alla guidance inclusiva di Ferrari di 7,5-8 mld).

I multipli impliciti 2016-2017 di Fca ex-Ferrari, ipotizzando il 100% dell`equity di Ferrari a 8,7 mld euro, sono a detta di Equita: Ev/Ebitda 2,7/2,3 volte, Ev/Ebit 5,7/4,7 volte e PE di circa 6,6/5 volte (secondo gli IFRS). Confermata poi la visione positiva, ritenendo che le stime di Ferrari debbano essere riviste al rialzo (in attesa di maggior disclosure).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti