Cina verso una completa liberalizzazione dei tassi d’interesse

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 27 Ottobre 2015 | 13:30

Settimana scorsa la People’s Bank of China (PBoC) ha annunciato un pacchetto di misure che consiste in: una riduzione dei tassi di interesse di riferimento per deposito e prestito a un anno e sui depositi di 25 pb portandoli rispettivamente al 4,35% e all’1,50%; in una rimozione del tetto dei tassi di deposito per tutti i depositi; e in una riduzione dell’RRR dal 17,5% al 17%, con un’ulteriore riduzione di 50 pb riservata ad alcune banche qualificate per sostenere i prestiti ad agricoltura e piccole e medie imprese (PMI).

“Questa è la sesta riduzione dei tassi e la quarta del coefficiente RRR da novembre dell’anno scorso; questa mossa è in linea con le nostre aspettative – ha commentato Raymond Ma, gestore del fondo FF China Consumer Fund di Fidelity Worldwide Investment – Si conferma dunque il percorso di allentamento della politica monetaria intrapreso dalla PBoC nell’intento di dare impulso all’economia reale. Al contempo, la rimozione del tetto sui tassi sui depositi costituisce anche un passo importante verso una completa liberalizzazione dei tassi d’interesse. Complessivamente queste azioni si dimostrano positive per il sentiment dei mercati e nel medio termine dovrebbero incoraggiare gli investimenti e i consumi, sostenendo inoltre il mercato immobiliare”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cina, come sfruttare la crescita monstre con gli Etf giusti a Piazza Affari

Investimenti: un avvertimento sulla Cina

Etf, da Ubs AM un innovativo prodotto sul Nasdaq cinese

NEWSLETTER
Iscriviti
X