Sovrappesare solo le azioni europee: l’asset allocation di Allianz GI

A
A
A
di Finanza Operativa 30 Ottobre 2015 | 12:00

Di seguito l’allocazione tattica mensile di Allianz Global Investors.
• Le politiche monetarie ancora accomodanti e la crescita economica prossima al potenziale dovrebbero sostenere i mercati azionari nel lungo periodo.
• A fronte di rendimenti reali modesti, i dividendi dovrebbero continuare a rappresentare una componente fondamentale della performance azionaria complessiva.
• Gli squilibri a livello globale, i persistenti timori circa le prospettive di crescita in alcuni mercati emergenti, Cina in particolare, e le maggiori incertezze riguardo al possibile rialzo dei tassi da parte della Fed potrebbero temporaneamente penalizzare gli asset rischiosi, portandoci a privilegiare un posizionamento neutrale.
Azioni Europa: Overweight
• Prosegue la ripresa nell’Eurozona. Nel terzo trimestre l’Indice dei responsabili degli acquisti dell’Area Euro ha evidenziato un nuovo rialzo.
• Il calo dei prezzi delle materie prime, la politica monetaria ancora ultra accomodante della Banca Centrale Europea (BCE) e la debolezza dell’Euro dovrebbero continuare ad avere un effetto positivo.
• Al di fuori dell’unione monetaria, il Regno Unito quest’anno dovrebbe rientrare tra i Paesi avanzati in maggiore crescita.
• In diversi mercati periferici dell’Eurozona e nel Regno Unito le valutazioni dei titoli azionari in base al P/E di Shiller risultano interessanti.
Azioni USA. Equalweight
• La solidità del mercato del lavoro, l’aumento del reddito reale disponibile e l’andamento positivo del settore edilizio confermano il trend di ripresa dell’economa americana.
• Nei prossimi mesi la Fed potrebbe modificare la propria politica sui tassi di interesse. Tuttavia, l’inasprimento dovrebbe essere graduale, e quindi tollerabile per i mercati e l’economia. La recente decisione della Banca Centrale americana di non alzare i tassi ha a accresciuto le preoccupazioni circa le prospettive della crescita.
• Nonostante il temporaneo crollo delle quotazioni azionarie, il mercato statunitense continua nel complesso ad essere caratterizzato da valutazioni elevate.
Azioni Giappone: Equalweight
• In generale, sembra che, nonostante le oscillazioni, l’economia nipponica stia attraversando una fase di crescita moderata. La politica monetaria della BoJ continua a seguire la linea reflazionistica restando un pilastro fondamentale per l’economia.
• Permangono tuttavia i dubbi legati agli effetti nel lungo periodo dell’Abenomics (si evidenzia tra l’altro il rinvio di importanti riforme  strutturali e degli interventi volti a limitare i deficit di bilancio del settore pubblico).
• L’azionario nipponico rimane supportato dalla debolezza dello Yen e dall’aumento della profittabilità delle imprese, ma in base al P/E di Shiller le azioni giapponesi presentano valutazioni elevate.
Azioni mercati emergenti: Underweight
• Sulle borse dei Paesi emergenti suggeriamo ancora un approccio piuttosto prudente alla luce del rallentamento della dinamica congiunturale, delle sfide in ambito politico e del rinvio dell’inasprimento dei tassi USA.
• Un Dollaro USA più debole, la stabilizzazione dei prezzi delle commodity e ulteriori stimoli all’economia, soprattutto in Cina, potrebbero favorire un’inversione di rotta.
• In generale, tuttavia, questo gruppo di Paesi si dimostra molto eterogeneo, motivo per cui si rende necessaria un’attenta selezione, ad esempio tra Paesi importatori ed esportatori di materie prime o tra i Paesi inclini alle riforme e quelli più restii.
• In diversi mercati emergenti le valutazioni dei titoli azionari in base al P/E di Shiller risultano interessanti.
Settori
• Nei Paesi avanzati le prospettive economiche favorevoli suggeriscono ancora un orientamento settoriale moderatamente ciclico, con una sovraesposizione alla tecnologia e un sottopeso nelle utility.
• Il graduale aumento dei rendimenti obbligazionari dovrebbe dare inizio a una rotazione che potrà sfavorire i più onerosi titoli growth difensivi.
• All’interno dei comparti difensivi, i titoli energetici presentano valutazioni attraenti; le società del settore dovrebbero riuscire a far fronte al calo dei prezzi del petrolio tramite una diminuzione delle spese in conto capitale e un aumento dell’efficienza nel medio termine. Tuttavia gli investitori dovranno avere un po’ di pazienza.
Obbligazioni internazionali: Underweight
• Dato l’attuale livello dell’inflazione britannica, solo di recente salita poco sopra lo zero, probabilmente l’inasprimento della politica monetaria della Bank of England non avverrà prima del prossimo anno.
• Al contempo, la Fed si avvia con cautela verso il primo rialzo dei tassi di riferimento. Nonostante le maggiori incertezze sulla tempistiche, l’inasprimento dovrebbe comunque essere molto graduale. I mercati obbligazionari continuano tuttavia
a scontare uno scenario meno “hawkish”. Possibili battute d’arresto e il rischio di una riduzione dei prezzi dei Treasury statunitensi, in particolare nel segmento a breve, restano quindi tra i principali temi di investimento per i prossimi mesi.
• I modelli di valutazione indicano ancora che le obbligazioni governative tedesche e statunitensi a 10 anni sono sopravvalutate. I Bund in particolare presentano valutazioni ancora molto ambiziose.
Obbligazioni in Euro: Equalweight
• Anche se all’inizio l’esteso programma di acquisto di titoli
della BCE (QE) ha posto in secondo piano i classici fattori fondamentali come inflazione e sviluppo economico, la recente ondata di vendite sui mercati obbligazionari Euro (aprile-giugno) ha dimostrato che il calo dei rendimenti non è una strada a senso unico.
• Per il momento, comunque, il quantitative easing della BCE dovrebbe mantenere i rendimenti dei titoli governativi su livelli modesti; ciò, tuttavia, non esclude un aumento della volatilità.
• Le obbligazioni governative dei Paesi periferici dell’Area Euro beneficiano tuttora della politica monetaria accomodante della BCE, dei passi avanti in materia di consolidamento fiscale e della ripresa congiunturale. La possibilità di ulteriori contrazioni degli spread appare tuttavia molto limitata.
Obbligazioni mercati emergenti: Equalweight
• A livello strutturale lo scenario per i bond emergenti in valuta forte si conferma positivo (migliori prospettive di crescita a lungo termine e finanze pubbliche più solide rispetto a quelle dei Paesi avanzati).
• Nel breve periodo tuttavia l’asset class dovrebbe risentire di dati economici eterogenei e delle attese di una politica monetaria meno espansiva negli USA.
• In un’ottica di medio periodo le obbligazioni emergenti in valuta locale beneficiano tuttora di rendimenti reali positivi e più elevati di quelli offerti dai Paesi avanzati.
Obbligazioni societarie: Equalweight
• Le valutazioni ambiziose delle emissioni corporate di categoria investment grade e high yield dell’Eurozona sono controbilanciate dalla politica monetaria ancora accomodante e dai fondamentali in miglioramento.
• Sul mercato corporate statunitense i premi per il rischio di credito sono in linea con le medie storiche. I modelli basati su dati economici, liquidità e volatilità suggeriscono che gli attuali premi di rischio sulla base dei fondamentali risultano interessanti.
Valute
• Le politiche monetarie espansive, che causano la svalutazione delle divise scatenando guerre valutarie, nascono in realtà dal desiderio delle Banche Centrali di rilanciare l’economia dei rispettivi Paesi.
• Il problema è che tali politiche si sono dimostrate sempre meno efficaci nell’attenuare le preoccupazioni per la crescita economica: è impossibile che tutti possano beneficiare della svalutazione della moneta contemporaneamente.
• Di conseguenza, gli investitori dovrebbero privilegiare le divise dei Paesi con politiche monetarie relativamente meno espansive, come il Dollaro Usa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mirabaud: il 2021 sarà l’anno delle obbligazioni convertibili

La view macro e l’asset allocation di Allianz GI per i prossimi mesi

Investimenti azionari: meglio focalizzasi su settori e temi che fare scelte geografiche

NEWSLETTER
Iscriviti
X