Effetti potenziali sui portafogli in vista della Conferenza di Parigi sul clima

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Novembre 2015 | 16:30

di Christophe Bernard, Chief Strategist di Vontobel

Sono grandi le speranze che l’imminente Conferenza di Parigi sul cambiamento climatico trovi un accordo capace di imprimere una svolta nella riduzione delle emissioni di gas serra. In vista del vertice di fine novembre, esaminiamo come i portafogli potrebbero essere penalizzati dagli sforzi politici volti a ridurre le emissioni di origine antropica – ma anche favorirli grazie al focus sulle aziende innovative impegnate a combatterle.

Se il tono più conciliante degli Stati Uniti e della Cina in materia di clima può essere preso come indicatore, ci troviamo di fronte a una svolta. Abbandonando il loro atteggiamento di rifiuto difeso per anni, i due paesi più inquinanti del mondo hanno ammesso che le emissioni di origine antropica hanno probabilmente un impatto destabilizzante sul clima. A questi argomenti sarà dedicata la Conferenza sul clima in programma nella capitale francese, che potrebbe inaugurare una nuova era negli sforzi profusi per rallentare l’aumento della temperatura nei prossimi decenni.

L’elemento decisivo sarà l’impegno degli ambienti politici e delle autorità di regolamentazione per promuovere le tecnologie “pulite” e scoraggiare le emissioni di carbonio. Ciò avrà profonde conseguenze per la società, le nazioni, i settori economici e, non da ultimo, i mercati dei capitali. Di recente Mark Carney, governatore della Bank of England, ha ammonito che gli investitori potrebbero subire perdite “potenzialmente enormi” a causa del cambiamento climatico. Prendendo come esempio le società petrolifere, ha affermato che queste aziende potrebbero non sfruttare tutte le loro riserve – un’eventualità che non si riflette nei prezzi delle azioni. Ciò avrebbe effetti destabilizzanti non solo per imprese come ExxonMobil, BP o Total, ma anche per i fondi pensione e gli investitori privati, poiché i colossi petroliferi hanno un grande peso negli indici azionari. Alla stessa stregua, i paesi che dipendono dagli introiti delle fonti fossili devono affrontare grandi sfide a lungo termine con ricadute potenzialmente pesanti sui loro rating creditizi e le loro valute, a meno che non riescano ad adottare per tempo un’adeguata strategia di diversificazione.

Economia a basso tenore di carbonio: un trend di grande impatto per gli investimenti Un giro di boa della politica può avere un effetto immediato su interi settori e, di riflesso, sui portafogli. Quest’estate un nuovo piano americano in materia di clima ha colpito inaspettatamente il ramo del gas da scisti. La Casa Bianca ha infatti abbandonato il suo precedente entusiasmo per il gas naturale come alternativa più pulita al carbone e si è focalizzata piuttosto sulle energie “rinnovabili” come modo per ridurre le emissioni di gas serra delle centrali elettriche. La transizione verso un’economia a basso tenore di carbonio è un trend dal grande impatto. L’Agenzia internazionale dell’energia ha stimato che limitare il riscaldamento del pianeta a livelli accettabili richiederà investimenti aggiuntivi in energia “pulita” pari a circa mille miliardi di dollari USA all’anno. Gli operatori di mercato dovrebbero quindi puntare sulle società che hanno tutti i presupposti per beneficiare di questa tendenza di lungo periodo. Allo stesso tempo, però, dovrebbero riconsiderare le loro posizioni in aziende e settori che potrebbero contare tra gli sconfitti di questo “megatrend”.

Alcune prese di profitto sullo sfondo della ripresa dei mercati Passando ora ai mercati mondiali, l’indirizzo espansivo della Banca centrale europea e l’ulteriore allentamento della politica monetaria della People’s Bank of China hanno spinto al rialzo i prezzi delle azioni. Abbiamo sfruttato il recente rimbalzo per effettuare alcune prese di profitto, riducendo la nostra esposizione azionaria a un livello neutrale. Da un lato, gli utili societari rimangono sotto pressione in tutto il mondo, soprattutto quelli delle aziende attive nella produzione e nel commercio su scala mondiale; dall’altra parte le banche centrali rimangono ampiamente accomodanti, fornendo un forte sostegno alle attività rischiose. In generale continuano a prevalere le forze disinflazionistiche e i rischi di rallentamento della crescita mondiale – derivanti essenzialmente dalle economie emergenti – spingendo alcune autorità monetarie a mantenere le loro politiche espansive più a lungo del previsto. Di conseguenza abbiamo aumentato la nostra posizione in titoli di Stato USA con scadenze molto lunghe. A nostro parere i Treasury trentennali offrono non solo un’efficace diversificazione e un rendimento positivo se paragonato con gran parte delle alternative, ma anche un rischio di ribasso limitato grazie alla ripidità della curva dei rendimenti.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: come cavalcare la volatilità delle azioni

Raccomandazioni di Borsa degli analisti: i Buy di oggi da Anima a WeBuild

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Atlantia a Stellantis

NEWSLETTER
Iscriviti
X