M&G: sovrappesiamo il rischio di credito e sottopesiamo quello di tasso

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 10 Novembre 2015 | 12:00

L’aumento dei tassi negli Usa ci sarà quasi sicuramente. A rafforzare le convinzioni macroeconomiche, anche quelle del team di M&G Investments, hanno provveduto gli ottimi dati Usa sul lavoro di venerdì 6 novembre. Ma se gli stati Uniti corrono, l’Europa non sta certo ferma. Anzi. Lo ha spiegato ieri Nicolò Carpaneda, investment director dell’asset manager britannico, nel corso dell’evento “Bond Vigilantes” a Milano. La crescita del nostro continente è stata dell’1,5%, superiore alla domanda mondiale: quindi, è il ragionamento di Carpaneda, l’Europa ha guadagnato quote di mercato. Intanto però l’andamento del Bund, con il forte rialzo del rendimento prima ad aprile e poi venerdì 6, dimostra una volta di più come il lungo ciclo di ribasso dei rendimenti sia ormai alla fine. Tanto che il fondo M&G Optimal Income ha una duration nulla sulle emissioni in euro, mentre è a quota 1,7 anni per quelle in sterline e a 0,7 anni in dollari.
Insomma, se aumentano i rendimenti allora aumenta la duration. Tanto che non occorre andare troppo in giro per trovare rendimenti: se gli high yield valgono il 30% del fondo, le emissioni investment grade occupano il 60% del portafoglio! Ma come potrebbe andare il fondo nei prossimi 12 mesi, alla luce della scarsa performance da inizio anno? Il fondo è sottopesato di rischio di tasso e sovrappesato di rischio di credito: l’unico caso in cui si potrebbero avere rendimenti negativi (ex ante) è quello di un aumento contemporaneo degli spread del credito e dei rendimenti dei titoli di stato. lo scenario migliore è invece quello di un calo dello spread di credito e di un calo (o nessuna variazione) degli yield dei governativi.
Del resto, se si vuole invece puntare sugli high yield, M&G offre due altri fondi, uno sugli high yield globali e l’altro su quelli a tasso variabile. Una classe, quella delle obbligazioni ad alto rendimento, che quest’anno ha subito i contraccolpi delle varie crisi e delle fluttuazioni di mercato, ma che in prospettiva rimane interessante: gli spread sono ampi, soprattutto negli Usa, mentre i tassi di default si mantengono contenuti.  Max Malandra

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, il Btp allunga ancora la scadenza

Il Btp a 50 anni: richieste per 130 miliardi

Obbligazioni: si guarda al “Futura”

NEWSLETTER
Iscriviti
X