Towers Watson: in Europa stabili i compensi complessivi dei Ceo

A
A
A
di Finanza Operativa 24 Novembre 2015 | 10:00

Andamento delle retribuzioni, performance management, executive compensation: questi alcuni dei temi affrontati durante l’Osservatorio 2015 di Towers Watson. Ospiti del mondo HR, di quello accademico e di quello economico si sono confrontati su questi argomenti partendo dall’attuale contesto socio-economico e dai risultati di alcune recenti ricerche Towers Watson, non solo in materia di remunerazione.
La prima indagine presentata è stata CEO pay in the Eurotop 100. I risultati preliminari indicano che i compensi complessivi dei CEO delle prime 100 società europee per capitalizzazione, compresi stipendi, benefit e tutti gli aspetti legati ai sistemi d’incentivazione, sono rimasti stabili nel corso del 2015, con una retribuzione complessiva media che si attesta intorno ai 5,5 milioni di Euro. In particolare è emerso che il 64% dei CEO delle principali società europee in quest’anno fiscale non ha ricevuto alcun aumento di stipendio, rispetto al 40% del 2014.
La seconda indagine presentata è stata Performance Management: le nuove best practice di mercato. Alla survey hanno partecipato 384 organizzazioni (39% quotate, 50% non quotate, 4% no profit, 7% pubbliche) con dimensione globale (40%), internazionale (28%) e locale (32%), appartenenti a diversi settori quali high-tech, servizi finanziari, risorse naturali/energia, telecomunicazioni, servizi professionali, largo consumo di 25 diversi paesi.
A una prima lettura dei risultati emerge con chiarezza che il TOP management è sempre più consapevole dei benefici del sistema come “elemento di svolta” per raggiungere i risultati di business. Il focus del cambiamento non risiede tanto nella riprogettazione dei fattori fondamentali del performance management ma nelle modalità di implementazione del processo e nella sua efficacia. Fra le evidenze emerse:
• il 71% delle aziende non è intenzionata ad eliminare le valutazioni / i punteggi di performance, mentre solo il 7% ha deciso di implementare un approccio ratingless
• il 47% delle aziende ha implementato cambiamenti tecnologici legati al performance management o sta per farlo
• il 33% delle aziende ha spostato il focus del performance management sul potenziale futuro o è in procinto di farlo
I CEO protagonisti della tavola rotonda: “L’impatto delle nuove tecnologie digitali sulle organizzazioni e la motivazione delle persone”. Fabrizio Di Amato, Presidente di Maire Tecnimont, Fabrizio Viola, CEO di Monte dei Paschi di Siena, Roberta Neri, CEO di ENAV, e Massimo Angelini, Direttore Pubbliche Relazioni WIND hanno condiviso la loro opinione con Edoardo Cesarini, Amministratore Delegato di Towers Watson.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Zurich Italia, Giuliani sarà il nuovo ceo

Fondi, DPAM: Peter De Coensel proposto come nuovo ad

A Wall Street il lupo non perde il vizio: crollano gli affari, ma schizzano gli stipendi dei Ceo

NEWSLETTER
Iscriviti
X