Certificati di Commerzbank a leva fissa: come operare

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Dicembre 2015 | 17:00

Certificati per investimento e per trading. Sono quelli che offre Commerzbank, emittente da pochi mesi sul mercato italiano, che oggi a Milano ha tenuto un seminario sull’argomento. Mostrando i propri certificati a leva fissa sui principali indici azionari, Ftse Mib, Dax ed EuroStoxx: per ora sono otto, ma nei prossimi mesi sono attese nuove emissioni. Certificati che verrebbero assimilati, nel caso estremo di bail in – purtroppo decisamente attuale in questo periodo – come obbligazioni senior, e quindi risparmiati in un eventuale salvataggio.
I certificati a leva possono essere sia a leva fissa sia dinamica, ma con questi ultimi, se i prezzi vanno in direzione opposta allo strumento, si rischia di amplificare il livello di leverage adottato. Viceversa con quelli a leva fissa si ha sempre la certezza della leva che si compra (un po’ come con i future). I vantaggi, rispetto ai future, sono la non necessità di aprire un conto derivati, la trattazione in continua come fossero azioni e soprattutto il fatto che non sarà mai necessario reintegrare i margini in caso di andamento opposto alla propria posizione. In questo modo i certificati Long permettono di beneficiare di eventuali rialzi dell’indice sottostante mentre i certificati Short consentono di ottenere guadagni da possibili ribassi dell’indice. Dal momento che la leva è fissa e valida solo per una giornata di Borsa aperta, è importante considerare l’effetto dell’interesse composto intrinseco ai prodotti a leva fissa e giornaliera. Un andamento lineare (sia al rialzo sia al ribasso) permette pertanto di amplificare la performance dell’indice sottostante (se si è nella direzione giusta, ovviamente), mentre un movimento altalenante porta invece a generare risultati anche spesso ben distanti da quello che è la semplice differenza tra primo e ultimo giorno di trading sullo strumento.
Caratteristiche che rendono questi certificati sempre più trattati: nel 2014 hanno rappresentato il 65% del totale dei certificati e per l’anno in corso il turnover complessivo dovrebbe superare i 16 miliardi di euro. Diventando quindi il secondo mercato europeo con circa 20 miliardi di euro di controvalore (nel 2014) contro i 22 circa della Germania.
Un indicatore di sentiment (sugli investitori privati tedeschi) calcolato dalla Borsa di Stoccarda è il Euwax Sentiment (qui), mostrato dal trader e formatore Davide Biocchi, che mostra quasi in tempo reale l’andamento di acquisti e vendite di certificati da parte di trader e investitori tedeschi, paragonandolo a quello dell’indice Dax. La finanza comportamentale in presa (quasi) diretta conferma anni di studi sul comportamento degli investitori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Due certificati di SocGen a leva fissa 7x diventano “open end”

Certificati a leva fissa su azioni: tre emittenti e 228 strumenti

Commissioni Zero sui Leva Fissa Commerzbank

NEWSLETTER
Iscriviti
X